Connect with us

Pubblicato

il

Arrigo Sacchi si è presentato oggi in Federcalcio nel suo nuovo ruolo di coordinatore delle nazionali giovanili. Dopo aver rivoluzionato il calcio con un Milan stellare tra la fine degli anni ‘80 e l’inizio dei ‘90 e aver guidato la Nazionale fino alla finale di Usa ’94, l’ex ct è ancora pimpante. Le idee e l’entusiasmo restano il suo punto di forza.

Sacchi, che sottoscriverà un contratto biennale nell’ambito del progetto voluto dal presidente di Figc Abete per il rilancio dei vivai, in conferenza stampa era affiancato dal vice-presidente vicario e presidente della LND Tavecchio e dal vice-presidente federale e presidente del Club Italia Albertini.  Dovrà lavorare contro la cultura del risultato a tutti i costi: “In Italia prima di ogni altra cosa quello che conta è il risultato e questo non ci aiuta a crescere. Molti allenatori durante la settimana lavorano esclusivamente pensando alla squadra da incontrare e a come batterla, cosa che danneggia la crescita tecnica”.

E’ consapevole che l’Italia non è un paese per giovani, anche nel pianeta calcio: “Il nostro è un paese che in tutti i settori non ha mai creduto nei giovani, non c’è la cultura: bisogna cercare di migliorarla, la Figc sta dando l’esempio. Lavorerò per fare in modo che il calcio italiano torni a ricoprire un ruolo da protagonista, ben sapendo però che da noi non si è mai creduto nei giovani”.

L’uomo che ha allenato decine e decine di campioni in Italia e all’estero, riparte da un’idea fondamentale: un calcio dove ogni giocatore deve avere compiti importanti sia in fase difensiva che offensiva, una squadra dove la collaborazione assume un aspetto rilevante: “Cerco di esprimere quello in cui credo senza nessuna prevenzione. Soprattutto cerco di avvicinarmi a quello che secondo me è il calcio di oggi, ma anche di domani”. 

So. Gian. – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Opinioni3 giorni fa

Serie A Femminile a rischio invasione straniere: rafforzare i settori giovanili

Passa anche attraverso il ruolo cruciale del settore giovanile di ogni singolo club la transizione verso il professionismo della Serie...

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile: ci sono voluti 50 anni per il professionismo

“Siamo fatti anche noi della materia di cui sono fatti i sogni: nello spazio e nel tempo di un sogno...

Editoriali1 mese fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: è una riforma affrettata?

👉🏽 La Divisione Calcio Femminile presieduta da Ludovica Mantovani, con il passaggio al professionismo, ha deciso che la serie A...

Editoriali1 mese fa

La Serie A Femminile passerà a 10 club: Morace storce il naso

Carolina Morace ha scelto di prendere parte a “Campionesse“, la docuserie di Rakuten Tv disponibile dal 2 dicembre che racconta...

Editoriali2 mesi fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, un calcio che ha bisogno di ‘storie’

Eduardo Galeano è l’autore di uno dei libri più belli mai scritti per spiegare il mondo del pallone. “Splendori e...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi