Connect with us
Avatar

Pubblicato

il

Si alza il sipario sulla nuova stagione 2010/2011 e per l’occasione il Pescara si regala un avversario di lusso, la Roma di Totti e di Adriano. Una festa biancoazzurra con circa 13.300 persone sugli spalti e così prima dell’incontro amichevole Pescara- Roma e sulle note di “Nessun dorma “ intonato dal tenore Piero Mazzocchetti, c’è stata la presentazione ufficiale della nuova squadra targato 2010/2011. Molti i volti già conosciuti e pochi gli acquisti da presentare; l’evento presentato dalla giornalista RAI, Simona Rolandi è ricco di sorprese: due le auto regalate dal Presidente De Cecco, una al mister Di Francesco e l’altra, una Fiat 500, alla moglie del calciatore Massimo Ganci.

La partita e i moduli oggi non contano, il Pescara si presenta in campo col 4-3-1-2; mentre la Roma col classico 4-4-2. Non sarà facile per la Roma di Ranieri, affrontare un Pescara ben disposto in campo e a tratti anche piacevole da guardare pronto ad offrire spunti di buon gioco; deliziose in modo particolare le giocate del talentuoso Marco Verratti. Per la cronaca l’incontro termina 0-1 in favore dei capitolini grazie ad un rigore realizzato al 40’ del pt dal capitano Totti. Parte subito bene il Pescara, al 17’ si fa pericoloso sotto la porta romanista  su un cross di Sansovini, il giovane Inglese non inquadra bene lo specchio della porta deviando il tiro alto sulla traversa.

La risposta della Roma non si fa attendere al 22’ ci pensa Adriano con una gran rovesciata a sorprendere Pinna, ma il numero uno esce e blocca. Intorno al 40’ del pt l’episodio che sblocca il risultato: Cascione commette un fallo in area su Adriano, l’arbitro decreta il penalty. Si incarica del tiro Francesco Totti, che batte il portiere biancoazzurro. Tre minuti dopo la Roma ci riprova ancora con Adriano, ma il suo tiro finisce a lato. Finisce il primo tempo e nella ripresa mister Di Francesco mischia un po’ le carte proponendo in campo altri uomini alla ricerca della migliore formazione; nonostante tutto il Pescara continua sulla stessa falsa riga del primo tempo tanto che perviene per ben due volte al pareggio, ma le realizzazioni vengono annullate dall’arbitro. Al 11’ Sansovini sigla di testa la rete del pareggio ma la sua posizione è di fuorigioco.

La Roma  amministra bene il vantaggio proponendosi spesso in avanti, dove trova davanti a sé un Pinna già in forma campionato. L’ultimo episodio della gara si verifica al 44’ quando l’arbitro annulla nuovamente questa volta al giovane Maniero, una rete sempre per una posizione giudicata di fuorigioco.

La partita termina ma, la festa continua fuori gli spogliatoi a caccia di foto e autografi. Protagonista principale è sempre lui, il capitano dal cuore d’oro Francesco Totti. All’uscita, prima di salire sul pulmann evitando giornalisti e taccuini, si reca da un ragazzo malato di SLA relegato sulla sedia a rotelle, dove gli regala la sua maglia con dedica. Riusciamo a grande fatica a strappargli una testimonianza : “Queste sono le cose più belle –dice Totti -, non il calcio” Ha ragione il capitano, mentre fuori lo stadio scoppia una guerriglia un tifoso pescarese viene accoltellato.

Termina con questa nota incolore la serata di festa andata in onda all’Adriatico, in  attesa della prima ufficiale a Bergamo contro l’Albinoleffe in Coppa Italia, poi il 22 Agosto sarà di nuovo campionato. All’Adriatico arriva il Siena, di Antonio Conte.

PESCARA PT (4-3-1-2): Pinna; Zanon, Olivi, Mengoni, Petterini; Gessa, Cascione, Dettori; Verratti; Inglese, Sansovini.
PESCARA ST (4-3-1-2): Pinna (34′ Bartoletti), Del Prete, Sembroni, Mengoni (23′ Alcibiade), Petterini (12′ Mazzotta); Gessa (18′ Zappacosta), Tognozzi, Nicco (32′ Maniero); Stoian; Ganci, Sansovini (12′ Soddimo). A disposizione: Capuano, Martella, Cattenari. Allenatore: Di Francesco.

ROMA PT (4-4-2): Lobont; Cassetti, Mexes, Juan, Antunes; Taddei, Simplicio, Greco, Perrotta; Totti, Adriano.
ROMA ST (4-4-2): Lobont; Cassetti (23′ Rosi), Loria, Juan, Riise; Taddei, Brighi, Greco, Perrotta; Totti (23′ Pit), Adriano 23′ Okaka). A disp: Julio Sergio, Faty, Baptista, Menez. Allenatore: Ranieri.

ARBITRO
: Simone Di Francesco di Teramo.
RETE: nel pt, 41′ Totti (rigore)
NOTE: terreno di gioco in buone condizioni. Spettatori paganti 13.300 (con nutrita rappresentanza giallorossa in curva sud) per un incasso di 150.364 euro.

Rita Consorte – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Off Side20 ore fa

Serie A Femminile, stadi vuoti e pesci rossi

La Serie A Femminile si avvia verso la conclusione di un campionato giocato a porte chiuse. Un vero e proprio...

Editoriali4 giorni fa

Serie A Femminile, i settori giovanili come plusvalore

La transizione della Serie A Calcio Femminile dallo status dilettantistico a quello professionistico, che si concretizzerà al termine della prossima...

Editoriali1 settimana fa

Serie A Calcio Femminile, nuovi orizzonti per nuove prospettive

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il lontano 22 agosto 2020. La...

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile, tutto il bello della domenica

Il calcio era entrato in crisi molto prima della pandemia. Veniva fatto correre a rotta di collo lasciando pochissimo spazio...

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile, a proposito di “mission” e nuovo corso

La transizione verso il professionismo della Serie A Femminile – fortemente voluta dal presidente della Figc Gabriele Gravina e sostenuta...

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile, ad aprile si è giocato solo una volta!

Calciopress, con due successive riflessioni, ha sottolineato l’incredibile durata del campionato di Serie A Femminile stagione 2020-21 >>> LEGGI: “Serie...

Editoriali3 settimane fa

La Serie A Femminile e l’ossigeno della “meglio gioventù”

Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile rende ineludibile il potenziamento dei settori giovanili>>>“Serie A Femminile  e ruolo dei...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film