Connect with us
Avatar

Pubblicato

il

Spero di iniziare senza farmi male, dando continuità al lavoro affinché possa allenarmi con serenità”. Comincia con questo auspicio la lunga chiacchierata di Alessandro Gamberini con Fiorentinanews.com, che tocca tantissimi aspetti della stagione della squadra e anche del giocatore. 

Questa è stata anche l’estate del Mondiale in Sudafrica. Quanto le è dispiaciuto saltare la competizione quando sembrava che avesse molte possibilità di andarci?
“Tanto, mi è dispiaciuto più in generale non esserci nei momenti decisivi della stagione. So che in Nazionale ora c’è Prandelli e che ho una corsia preferenziale, ma spero di meritarmela la maglia azzurra, giocare bene e fare una buona stagione”.

Con l’addio di Prandelli e l’arrivo di Mihajlovic ritiene che si sia chiuso un ciclo?
“Da un lato sì, diciamo che si è chiuso un capitolo che è durato tanto, cinque anni, un capitolo in cui la Fiorentina è cresciuta molto e se ne è aperto un altro. E’ cambiato staff, allenatore, mentalità e tipologia di lavoro. Per noi è uno stimolo in più, perché Mihajlovic ci ha dato entusiasmo. E’ la persona giusta, perché dopo cinque anni la Fiorentina aveva bisogno di una svolta. Purtroppo ci dispiace non essere in Europa, però è l’unico anno in cui non abbiamo centrato la qualificazione. Sappiamo che abbiamo la possibilità di fare bene”.

Sensazioni su Mihajlovic?
“Molto positive, ma le avevo già da prima dell’inizio del ritiro. Ha chiamato tutti al telefono e ha fatto capire di essere disponibile al dialogo. E’ stata una telefonata importante, che ci ha fatto capire, quanto sia fondamentale la stagione che verrà e che ha messo tutti a nostro agio”.

Quali sono le principali differenze da Prandelli?
“I metodi di allenamento sono tutti diversi, con Prandelli facevamo tutt’altro. Penso che dopo cinque anni, fare qualcosa di diverso ti dia più entusiasmo. Cambia qualcosa sul modulo e i movimenti da fare in campo”.

Redazioneweb – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali4 giorni fa

Serie A Calcio Femminile, nuovi orizzonti per nuove prospettive

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il lontano 22 agosto 2020. La...

Editoriali5 giorni fa

Serie A Femminile, tutto il bello della domenica

Il calcio era entrato in crisi molto prima della pandemia. Veniva fatto correre a rotta di collo lasciando pochissimo spazio...

Editoriali1 settimana fa

Serie A Femminile, a proposito di “mission” e nuovo corso

La transizione verso il professionismo della Serie A Femminile – fortemente voluta dal presidente della Figc Gabriele Gravina e sostenuta...

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile, ad aprile si è giocato solo una volta!

Calciopress, con due successive riflessioni, ha sottolineato l’incredibile durata del campionato di Serie A Femminile stagione 2020-21 >>> LEGGI: “Serie...

Editoriali2 settimane fa

La Serie A Femminile e l’ossigeno della “meglio gioventù”

Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile rende ineludibile il potenziamento dei settori giovanili>>>“Serie A Femminile  e ruolo dei...

Opinioni2 settimane fa

Alla Serie A Femminile serve un professionismo di sostanza

Nei mezzi di comunicazione di massa più influenti le notizie sono sempre ridotte ai minimi termini. Stiamo parlando del campionato...

Opinioni3 settimane fa

Serie A Femminile, il ruolo cruciale del Centro Sportivo

È stato detto che la Divisione Femminile ha due anime. Una radicata nel professionismo maschile e l’altra di matrice dilettantistica. La seconda anima...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film