Connect with us
Sergio Mutolo

Pubblicato

il

La tv satellitare Sky è pronta a fornire al suo (folto) pubblico di tifosi da salotto un’abbuffata di calcio senza pari. Saranno 380 le gare del calcio italiano messe in onda e 660 in totale quelle trasmesse live (tra Premier League, Bundesliga, Liga, Russian  Premier League, Campionato MLS made in USA e ci fermiamo qui per carità di patria) e 3.320 le ore di diretta. Una overdose di calcio da perdere la testa e di cui non si sentiva davvero il bisogno.

Ci sarà anche la partita all’ora di pranzo della domenica, anzi alle 12.30. Un orario assolutamente spurio per le abitudini dell’italiano medio. Non mancheranno gli immancabili approfondimenti, con Ilaria D’Amico e il suo Calcio Show serale (da segnalare le new entry Costacurta e Panucci). Poi tanto altro ancora, ma sinceramente preferiamo glissare.

Previste anche le telecamere negli spogliatoi: davvero una grande novità che ci mancava. Per i tifosi da salotto questo e altro. Avete presenti le partite della Nba, con i giocatori che si aggirano nudi e l’intervistatrice in (mini)gonnella che fa finta di scandalizzarsi davanti a Bryant come mamma l’ha fatto o di interessarsi alle parole del coach Phil Jackson che catechizza i Lakers?

Prepariamoci anche a questo. Così vuole il moloch pay tv, per continuare a riempire di soldi un calcio mai così ricco a dispetto della crisi economica globale. Così vogliono i tifosi da telecomando, stravaccati sul divano di casa loro.

Per fortuna qualcuno ha ancora il senso del limite. Parliamo di Rafael Benitez, tecnico dell’Inter, che esterna il suo dissenso almeno verso questa discutibile iniziativa. Gli spogliatoi stanno al calcio come l’altare sta a una chiesa: dovrebbe essere proibito profanarli, per non contaminare gli ultimi segreti di un mondo squadernato come un libro aperto e spesso oggetto di puro gossip.

Sul punto Benitez concorda: “Lo spogliatoio è come la sagrestia per il prete: non si deve entrare. Bisogna trovare un punto d’incontro”. Che le sue parole siano profetiche.

Sergio Mutolowww.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Off Side19 ore fa

Serie A Femminile, stadi vuoti e pesci rossi

La Serie A Femminile si avvia verso la conclusione di un campionato giocato a porte chiuse. Un vero e proprio...

Editoriali4 giorni fa

Serie A Femminile, i settori giovanili come plusvalore

La transizione della Serie A Calcio Femminile dallo status dilettantistico a quello professionistico, che si concretizzerà al termine della prossima...

Editoriali1 settimana fa

Serie A Calcio Femminile, nuovi orizzonti per nuove prospettive

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il lontano 22 agosto 2020. La...

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile, tutto il bello della domenica

Il calcio era entrato in crisi molto prima della pandemia. Veniva fatto correre a rotta di collo lasciando pochissimo spazio...

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile, a proposito di “mission” e nuovo corso

La transizione verso il professionismo della Serie A Femminile – fortemente voluta dal presidente della Figc Gabriele Gravina e sostenuta...

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile, ad aprile si è giocato solo una volta!

Calciopress, con due successive riflessioni, ha sottolineato l’incredibile durata del campionato di Serie A Femminile stagione 2020-21 >>> LEGGI: “Serie...

Editoriali3 settimane fa

La Serie A Femminile e l’ossigeno della “meglio gioventù”

Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile rende ineludibile il potenziamento dei settori giovanili>>>“Serie A Femminile  e ruolo dei...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film