Connect with us

Pubblicato

il

Termina con il classico punteggio di 1 a 1 l’atteso derby campano tra gli stregoni di Cuttone ed i molossi di Auteri. Partita, dicevamo, tanto attesa da entrambe le tifoserie, rivali da sempre nei campionati di terza serie e che anche oggi hanno dato vita ad un apprezzabile spettacolo di tifo sugli spalti. Gli oltre 300 molossi “tesserati”, sistemati nel settore ospiti, si sono fatti sentire, come non è stata assolutamente da meno la Curva Sud giallorossa, benché il cuore della stessa, per protesta contro la famigerata “tessera del tifoso” abbia seguito la partita dall’anello inferiore. A rendere ancora più piccante questo derby, c’era poi la presenza nelle file molosse di diversi ex giallorossi quali Gori, De Liguori, Castaldo, Amabile e Bruno, con i primi tre che fino alla scorsa stagione hanno vestito la casacca giallorossa. Per loro sicuramente un’accoglienza non certo idilliaca, condita da fischi assordanti da parte dell’intero stadio ad ogni loro intervento. Il risultato finale è da ritenersi comunque giusto per quanto visto nell’arco dei novanta minuti, anche se, è corretto dirlo, la Nocerina si sia fatta maggiormente preferire sotto il profilo della corsa, della compattezza e dell’aggressività. Proprio la Nocerina infatti, con una partenza tutta corsa e pressing sbloccava al 15° del pt l’incontro grazie ad un colpo di testa del difensore goleador Di Maio su azione di calcio d’angolo. Il Benevento dopo un inizio di gara da dimenticare, complice anche la maggiore aggressività dei molossi, con evidente difficoltà, riusciva a conquistare terreno sfiorando anche il pareggio alla fine della prima frazione di gioco con Zito, ma concedendo spesso il fianco alle pericolose ripartenze degli avanti nocerini che potevano essere sicuramente meglio sfruttate. La partita veniva rimessa in sesto per i giallorossi al 38° della ripresa dal “bomberino” Pintori che su una bella imbeccata di Zito trafiggeva a volo, sotto misura, un incolpevole Gori. Uno e uno e derby in archivio per la buona pace di tutti. La gara:

PRIMO TEMPO: Buona la cornice di pubblico per questo derby tra Benevento e Nocerina; quasi 5.000 gli spettatori di cui circa 300 provenienti dalla vicina Nocera.  Due le novità nello scacchiere giallorosso rispetto a Lanciano. Cuttone, un po’ a sorpresa, butta subito nella mischia l’ultimo arrivato Viola (nella foto) a far coppia con Evacuo a discapito di capitan Clemente. A centrocampo invece esordio stagionale per Raffaele Bianco con Carcione che si accomoda in panca, per un classico 4-4-2. Mister Auteri si presenta a questa importante sfida con il suo consueto 3-4-3, facendo esordire in difesa il neo acquisto Di Maio, ed a centrocampo il beneventano di nascita Bruno. In avanti confermato il tridente Cavallaro-Castaldo-Catania.  Gia nei primi minuti di gioco si nota subito che la Nocerina non sia venuta in gita a Benevento, anzi tutt’altro. Bruno e l’ex De Liguori danno corsa e peso al centrocampo rossonero, vincendo quasi tutti i duelli con i due dirimpettai Vacca e Bianco. Sulla destra Sardo diventa una costante spina nel fianco della difesa giallorossa. Proprio su una incursione dell’esterno nocerino, scaturisce l’angolo sul quale Di Maio, tutto solo, trova il colpo di testa vincente per la gioia del pubblico di fede rossonera. Il Benevento accusa il colpo e fatica a ripartire. Nel frattempo, già al 12° La Camera colpito duro deve lasciare il posto ad un altro degli ultimi arrivati, Antonio Zito. Lo stesso Zito al 43° ha la palla buona per il pareggio, ma la sciupa a pochi metri dalla linea di porta, distratto da un plateale atterramento di Evacuo in area, probabilmente da massima punizione. Risultato di uno a zero comunque giusto per quanto visto nella prima frazione di gioco.

SECONDO TEMPO: Il Benevento ritorna in campo con l’intento di rimettere in sesto la partita. Ci prova Pintori al 6° su una punizione insidiosa, Gori para a terra. Al 13° Evacuo prende l’ascensore ma la traversa gli nega la gioia del gol. Cresce il Benevento e la Nocerina ha un calo nella zona nevralgica del campo. Ci prova Clemente appena subentrato a Viola, palla fuori. La Nocerina cerca in questa fase di contenere le sortite giallorosa, cercando poi di ripartire con veloci contropiedi, mal sfruttati. Al 23° ancora Pintori sotto misura, palla fuori. Risposta della Nocerina con tiro di Catania, para Aldegani d’istinto. Al 38° il pareggio è cosa fatta, Zito pesca con un bel lancio Pintori che a volo batte Gori. Il Santa Colomba diventa una bolgia, e le due squadre in campo non si risparmiano. Ci riprova la Nocerina con Catania ma Aldegani dice di no sia la prima volta che sul susseguente calcio d’angolo. Nel 2° minuto di recupero Evacuo sfugge sulla destra al diretto avversario e crossa al centro dove Zito si avventa come un falco, Gori salva in uscita anche con un bel po’ di fortuna. Con questa ultima occasione dopo 5 minuti di recupero l’incerto e poco fiscale direttore di gara, Sguizzato di Verona, decretava la fine delle ostilità.   

Al termine della gara mister Auteri si è mostrato contento per la prestazione della sua squadra pur rimpiangendo di aver gettato al vento un vittoria che sembrava già acquisita, anche a causa di alcune sostituzioni fatte per necessità e che, a suo dire, hanno inciso sulla compattezza della sua squadra. Per il Benevento un punto che per come si era messa la gara può considerarsi guadagnato, ma comunque anche meritato, quantomeno per averci creduto fino alla fine. Sicuramente la squadra giallorossa, come ha tenuto a specificare anche mister Cuttone in sala stampa, ha bisogno di far ritrovare una condizione fisica accettabile a diversi suoi atleti, non potendo regalare più nulla agli avversari in termini di corsa, aggressività e lucidità. Sabato prossimo contro l’attuale capolista Atletico Roma i giallorossi avranno l’occasione giusta per iniziare ad invertire la rotta…riusciranno nell’impresa?

BENEVENTO: (4-4-2) Aldegani; Pedrelli, Siniscalchi, Signorini, Palermo (60′ Formiconi); La Camera (13′ Zito), Vacca, Bianco, Pintori; Viola (62′ Clemente), Evacuo. A disp.: Baican, Zullo, Carcione, Germinale. All.: Cuttone

NOCERINA: (3-4-3) Gori; Di Maio, De Franco, Pomante (70′ Servi); Sardo (45′ Scalise), Bruno, De Liguori, Bolzan; Catania, Castaldo (79′ Nigro), Cavallaro. A disp.: Amabile, Galizia, Negro, Filosa. All.: Auteri

Marcatori: 15′ Di Maio, 83′ Pintori
Arbitro: Sguizzato di Verona (Belmonte – Palazzoni)
Note: Ammoniti Bianco, Signorini, Bruno, Bolzan e Scalise per gioco scorretto.
Spettatori 5000 circa.

Gianluca Napolitano – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali2 settimane fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali4 settimane fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 mesi fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato2 mesi fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni2 mesi fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato diffuso a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi