Connect with us

Pubblicato

il

L’Italia di Prandelli ha fatto una gran fatica a Tallinn contro l’Estonia, numero 94 del Ranking Fifa, ma alla fine è riuscita a vincere in rimonta grazie a una doppia prodezza del trasformato Cassano. Per altre Nazionali di rango le cose sono andate decisamente peggio.

La Francia di Laurent Blanc (nella foto) è stata battuta in casa dalla Bieloriussia (0-1) e il cammino dei Bleus per risalire la china si preannuncia aspro. “Catastrophique” titola a tutta pagina L’Equipe che, nelle pagine interne, scrive “La notte è ancora lunga”. Michel Platini, presidente della Uefa, aggiunge: “La nuova generazione del calcio francese non sta dando i frutti sperati”.

La nazionale transalpina è in buona compagnia. Il Portogallo ha pareggiato in casa con Cipro (4-4), la Grecia con la Georgia (1-1) e la Romania con l’Albania (1-1). Secca la vittoria della Moldova sulla Finlandia (2-0).

In tempi non lontani Estonia, Cipro, Georgia, Albania e Moldova erano considerate squadre materasso. Oggi non è più così. Il calo delle grandi scuole calcistiche fa il paio con la crescita di quelle di minore tradizione.

La crescita sul piano tecnico-tattico delle avversarie meno titolate sta imponendo un approccio metodologico inedito.

A prescindere dalla nazionale che l’Italia di Prandelli si troverà ad affrontare, dovranno essere attentamente analizzati prima dell’incontro punti di forza e punti di debolezza, nemmeno si trattasse di chissà quale finale mondiale. Così è stato per l’Estonia e così sarà per le Far Oer, prossimo avversario degli Azzurri al Franchi di Firenze.

Inoltre la Figc ha messo uno stop alle amichevoli di comodo da cui era infarcito il calendario della Nazionale. Basta leggere l’elenco delle prossime avversarie per rendersi conto che il livello si è decisamente alzato: Russia (17 novembre 2010, in Germania o in Russia), Germania (9 febbraio 2011, in trasferta), probabilmente Francia e Argentina (rispettivamente il 29 marzo e il 17 giugno 21011), Spagna il 14 agosto 2011 (a Cesena, Pescara o Bari).

In Europa il nuovo calcio avanza sgomitando e il vecchio calcio è costretto a difendersi come può. 

Lu. Cian. – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali3 settimane fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 mesi fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato2 mesi fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni2 mesi fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato diffuso a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi