Connect with us

Pubblicato

il

La nuova Nazionale di Prandelli (nella foto) ha faticato a superare a Tallinn l’Estonia (numero 94 nel Ranking Fifa), riuscendoci solo grazie a due bagliori di un Cassano fino a quel momento disciplinato quanto incolore.

L’ex tecnico della Fiorentina ha dovuto riconoscere che il suo modulo ha un vuoto sulla fascia destra. Manca un’ala con le caratteristiche proprie di quei giocatori che hanno fatto la fortuna dell’Italia, quando i club ne sfornavano in quantità.

L’ala destra, nel Belpaese, è diventata una specie in via di estinzione. Dove sono finiti i calciatori capaci di creare sulla fascia destra, grazie a capacità di dribbling e spiccato senso tattico, la superiorità numerica fondamentale ai fini del risultato? Come mai non nascono più i vari Causio, Claudio Sala, Bruno Conti, Meroni, Domenghini, Donadoni e via dicendo?

La scomparsa è stata mestamente certificata da Prandelli nel dopo gara con l’Estonia: “Oggi, in Italia, di giocatori con queste caratteristiche non ce ne sono molti”. Una dichiarazione che significa in buona sostanza, per il neo-juventino Pepe, la perdita del posto in nazionale. Prandelli spiega: “Molto spesso ai giocatori che cambiano ruolo capita: la loro generosità va a scapito della qualità del gioco”.

Lo sdoganamento di Camoranesi, voluto da Trapattoni nel 2003, aveva in qualche modo colmato la lacuna. Una soluzione sfruttata poi da Lippi e dallo stesso Donadoni (ultimo interprete del ruolo in Italia). La sostituzione dell’ormai spompato giocatore italo-argentino con Pepe è stata, probabilmente, una delle cause del flop sudafricano degli Azzurri.

In attesa di soluzioni idonee che solo il campionato potrà offrire, Prandelli sarà costretto ad arrangiarsi. A partire dalla prossima partita in programma a Firenze con le Far Oer, infatti, dovrà puntare tutto su un centrocampo duttile e su un trio di attaccanti all’altezza.

So. Gian. – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Opinioni3 settimane fa

Coppa Italia Femminile: per conoscere meglio i 16 club di una serie B ad alto potenziale

Domenica 11 settembre prende il via la prima giornata della Fase a Gironi di Coppa Italia Femminile ➡️ il programma....

Opinioni4 settimane fa

Serie B Femminile: è possibile l’impresa di far concorrenza alla Serie A?

Da subito Calciopress ha ritenuto opinabile e affrettata la scelta di entrare nell’era professionistica del calcio femminile con una Superlega...

Editoriali4 settimane fa

La Nazionale, la Serie A e il professionismo: la lunga estate calda del calcio femminile

Un’estate torrida come non mai. Un caldo infinito, iniziato già a maggio. Roba che, alla lunga, dà alla testa. Non...

Opinioni1 mese fa

Calcio femminile e ‘grande storia’ dei club: solo il tifo non è negoziabile

Il calcio è uno sport bellissimo, a prescindere dal genere. La sua valenza sociale riposa nella trasversalità del tifo, che...

Nazionale2 mesi fa

Nazionale Femminile: il supporto Rai è stato un ‘flop’ per la crescita del movimento?

La Rai ha puntato molto sulla Nazionale Femminile. Secondo Andrea Fagioli, opinionista di ‘Avvenire, è stato un flop mediatico ➡️...

Editoriali2 mesi fa

Campionato Europeo: se il calcio femminile diventa qualcosa di travolgente

✅ Inghilterra-Svezia di ieri sera è stata gioia pura per gli occhi. La ciliegina sulla torta? Il magnifico gol di...

Nazionale2 mesi fa

Passata la delusione Nazionale, è ora di tuffarsi nel campionato di Serie A femminile

☑️ La delusione dell’Europeo va in archivio. Così speriamo tutti. L’eliminazione nella fase a gironi della Nazionale di Milena Bertolini,...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi