Connect with us

Pubblicato

il

A Foggia si predica calma. Gli otto gol subiti nelle ultime due gare di campionato non hanno portato soverchi malumori in una piazza che ha voglia di risorgere. È questo l’effetto Zeman (nella foto, tratta da foggiacalciomania.com), ovvero quello di rendere normale ciò che normale non è.

Con un altro allenatore sulla panchina della squadra rossonera, oggi staremmo a parlare di un tecnico a rischio di esonero. Non con Zeman, non con l’uomo della speranza. Al tecnico boemo vanno fiducia incondizionata e amore dei tifosi inattaccabile.

I tifosi dei “Satanelli” non hanno storto la bocca nè per la sconfitta con la Lucchese nè per quella rimediata a Lanciano. A Foggia si cerca di individuare le cause che portano a questo tipo di prestazioni. Sebbene nessuno sia sul banco degli imputati, si punta il dito su una rosa forse troppo giovane per una categoria dove l’esperienza conta, e anche molto.

Ma è proprio con i giovani del tecnico boemo vuole lavorare per farli maturare, per renderli padroni di un calcio fatto sempre e comunque di attacco. Lo stesso Zeman ha tenuto a precisare che i suoi ragazzi lo seguono con attenzione, anche se il ritardo con cui è stata composta la squadra ha inciso su queste prime uscite dei rossoneri.

Ci sarà bisogno di tanta tranquillità e tanta pazienza da parte dei tifosi dei “Satanelli”. Questo è quanto chiede il tecnico boemo, sicuro che alla fine i suoi ragazzi potranno dire la loro anche in un campionato come quello di Prima Divisione sempre difficile da affrontare. Di certo a questa squadra non si può rimproverare di non provarci fino alla fine.

Con questi presupposti, il divertimento per i tifosi rossoneri è assicurato. A patto però che presto arrivino anche i risultati e che a gioire non siano sempre i tifosi avversari.

Stefano Cordeschi – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali2 settimane fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali4 settimane fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 mesi fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato2 mesi fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni2 mesi fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato diffuso a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi