Connect with us

Pubblicato

il

Due punti in tre partite, due gol fatti e quattro subiti. Questo l’attuale ruolino di marcia di un Pisa che appare ancora “Under Construction”. Non esattamente quanto si aspettavano i tifosi (nella foto, tratta da iotifopisa.com), dopo le vicissitudini societarie e il ritorno in Prima Divisione.

L’avvento di Camilli aveva fatto presagire una sterzata nei confronti di un passato recente vissuto nell’incertezza. Sotto il profilo societario questo è accaduto e la gestione del presidente del Grosseto sta dando sicurezza a un ambiente spesso scottato da promesse poi non mantenute.

Ma, come sempre accade nel calcio, i conti si fanno in campo. Oggi il Pisa paga lo scotto di una campagna di rafforzamento forse inadeguata per la categoria, o meglio, non completa per ogni reparto. Se l’attacco e il reparto centrale non destano particolari preoccupazioni, il reparto difensivo ha mostrato diverse lacune in questo scorcio di campionato. Forse è proprio qui che mister Cuoghi dovrà lavorare più a fondo, per evitare il ripetersi di certe disattenzioni.

La stagione è ancora molto lunga e in questo primo periodo non solo il Pisa ha palesato qualche difficoltà. Altre realtà, come ad esempio Ternana e Cavese, stanno avendo qualche problema di troppo. Singolare il fatto che a comandare la classifica del girone B di Prima Divisione siano due compagini neopromosse, cioè Lucchese e Atletico Roma. Questo  è verosimilmente dovuto al fatto che le due squadre hanno mantenuto lo stesso impianto di gioco, puntellando con acquisti mirati i vari reparti.

Per il momento a Pisa bisogna fare di necessità virtù, lavorando con il materiale che Cuoghi ha a sua disposizione e cercando di tappare alcune lacune che la squadra nerazzurra sta dimostrando di avere. Ci sarà modo e maniera, per un ambiente sempre vicino alla propria squadra, di tornare a vedere i propri colori primeggiare sui vari campi della Prima Divisione.

D’altronde il numero uno della società non è un personaggio che sa accontentarsi. Il vulcanico presidente Camilli saprà certo portare alla corte di Cuoghi i necessari rinforzi.

Stefano Cordeschi – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali2 settimane fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali4 settimane fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 mesi fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato2 mesi fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni2 mesi fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato diffuso a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi