Connect with us

Pubblicato

il

Era inevitabile che accadesse. Quando il calcio vende la sua anima alle pay tv, in nome di un business sfrenato e poco lungimirante, tutto diventa possibile. Perché il calcio è uno sport con l’anima, alimentato dalla passione e dal calore dei tifosi. Una diretta televisiva può e deve diffondere questo spirito, ma non è certo in grado di sostituirlo.

La nuova moda lanciata dal presidente della Triestina Fantinel in nome del moloch Sky, per provare ad arginare la desolante tristezza degli stadi vuoti, va in questa direzione. Coprire una tribuna deserta con asettici cartelloni su cui sono stati dipinti tifosi virtuali, per colorare artificiosamente una partita di Serie Bwin con il Pescara, è solo un piccolo antipasto di quello che ci attende.

Colaussi, il campione del mondo 1938 al quale è intitolata la gradinata del “Nereo Rocco” che ha dovuto subire questo obbrobrio, si rigirerà nella tomba (e con lui il grande ‘paron’). Vorrebbe resuscitare anche solo un momento, pur di togliere il suo nome da questo pastrocchio.

Una deriva inarrestabile, quella in cui si sta infilando un calcio italiano ormai del tutto privo di slanci e di fantasia. Se sono queste le soluzioni per riempire gli stadi e risparmiare nel contempo un pugno di dollari di manutenzione, c’è davvero da tremare per il futuro che ci attende.  

La prossima mossa sarà il tifo in playback, diffuso da rumorosi altoparlanti. Il fragoroso silenzio in cui si svolgono molte delle partite dei campionati professionistici italiani, all’interno di impianti desertificati, mette un po’ paura.

Quando le casse vuote della società sono rimpinguate dalle pay tv e gli stipendi dei giocatori sono pagati da Sky/Mediaset, qualsiasi ignominia diventa (purtroppo) possibile.

Sergio Mutolowww.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali2 settimane fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali4 settimane fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 mesi fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato2 mesi fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni2 mesi fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato diffuso a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi