Connect with us

Pubblicato

il

Il calcio sa fare anche questi miracoli. Firenze non ha un buon rapporto con la Nazionale, ma con l’allenatore che oggi gli Azzurri hanno in panchina è amore assoluto. Stasera al Franchi saranno almeno in ventimila per la gara con le sconosciute isole Far Oer, valida per le qualificazioni di Euro 2012. Perché Cesare Prandelli, da queste parti, è uno di casa.

Non solo perché è stato per cinque anni allenatore della Fiorentina e ha deciso di vivere nella città della Viola, ma perché tutti lo considerano una grande persona. Stefano Sartoni, uno dei capi storici della curva Fiesole, è stato chiaro. Stasera è la sera di Cesare e dunque “chi vuole contestare la nazionale è pregato di rimanere a casa”.

In tribuna saranno in tanti a festeggiare il suo esordio italiano sulla panchina degli Azzurri, perché attorno alla Nazionale di Prandelli si respira un’aria nuova. I suoi figli, innanzitutto: Nicolò che lavora al Parma e Carolina che sta per trasferirsi in Inghilterra per motivi di studio. Un altro grande ex della Viola, Roberto Baggio. Andrea Della Valle, presidente in pectore della Fiorentina, che vuole cancellare definitivamente le incomprensioni di un recente passato. E tanti altri ancora.

Cesare vivrà una giornata di grandi emozioni: “L’ansia e l’emozione sono già forti, ho rivisto persone che hanno lavorato per anni con noi e che amano la Fiorentina. Per me Firenze è qualcosa che va oltre l’aspetto professionale. L’ho scelta per viverci e la considero la mia città. Avevo rischiato su un progetto lungo per provare a vincere con la Viola, poi per tanti motivi le cose sono cambiate. Non si può dire no alla nazionale. E ora sono qui. Non ho paura di eventuali contestazioni, chi verrà allo stadio lo farà per festeggiare. Credo nell’intelligenza dei tifosi”.

Si, il calcio sa fare anche questi miracoli. Come quello di riunire Firenze a una Nazionale rimasta sempre un po’ ostica ai tifosi gigliati. Stasera per Firenze è arrivato il momento del fragoroso applauso a Prandelli, un saluto che è slittato di tre mesi e per questo sarà ancora più intenso. E’ l’ora di dare (finalmente) a Cesare quel che è di Cesare.

Sergio Mutolowww.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali3 settimane fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 mesi fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato2 mesi fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni2 mesi fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato diffuso a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi