Connect with us

Pubblicato

il

Il Taranto segna esclusivamente su palle inattive. Secondo te è un pregio o un difetto? “E’ un pregio visto che ci ha portato sei punti e paradossalmente abbiamo perso a Roma segnando un gol regolare su azione. Quindi può essere un’arma in più da sfruttare. Anche perché nel calcio moderno la maggior parte delle partite si sbloccano e si vincono grazie ai calci piazzati, proprio come sta accadendo a noi ultimamente”.

Ma avete cercato insieme a Mister Brucato di darvi una spiegazione o secondo te si tratta solo di un fatto occasionale?
E’ un discorso occasionale ma spero fino ad un certo punto. Durante la settimana infatti noi proviamo diversi calci piazzati e diverse soluzioni, consapevoli di avere in rosa vari saltatori eccellenti come Di Deo, Migliaccio, Innocenti, Ferraro. Ripeto non si tratta di casualità, ma è il risultato di una serie di schemi provati durante la settimana che ci stanno dando degli ottimi frutti”. Parliamo del tuo ruolo nel 4-3-3“.

Attualmente tu operi sul centrodestra. Ma in ritiro Brucato ti ha provato come mediano quasi metodista. Tu quale ruolo prediligi?
Non ho preferenze, anche perchè in passato ho ricoperto entrambi i ruoli e di conseguenza mi trovo a mio agio in qualsiasi delle due posizioni in campo”. Ormai sei uno degli anziani del gruppo“.

Quali differenze stai riscontrando tra la squadra dello scorso anno e quella attuale?
Di sicuro, specialmente in trasferta, in queste poche partite ho notato la solidità della squadra nel senso che mentalmente è molte forte. Analizzando la partita di domenica scorsa, sull’1-1, subito dopo aver incassato il gol ci siamo tirati su e siamo riusciti a vincere. Con l’Atletico Roma, nonostante giocassimo fuori casa, la squadra ha avuto il pallino del gioco per quasi tutta la partita, dimostrando di saper ottenere quello che vuole e di possedere quindi una grande forza mentale”.

Enrico Losito – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali2 settimane fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali4 settimane fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 mesi fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato2 mesi fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni2 mesi fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato diffuso a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi