Connect with us
Avatar

Pubblicato

il

Voci sbalorditive giungono dalla sorella maggiore, la Serie A: il Chievo Verona, miracolo dei miracoli è primatista solitario di uno dei più bei campionati del mondo. Beh.. andate a chiedere cosa ne pensa il mattacchione Cristian Bertani di anni 29, già volpone consacrato della vecchia Serie C e soprattutto osservate bene il sorrisino malizioso di chi sornione starà pensando: “lo sapevo che ci saremmo divertiti anche quest’anno”. Gli applausi vanno tutti alla “matricola” Novara che va sotto su un capolavoro di Vitiello, soffre, si piega, non si spezza e poi riacciuffa con tanto di sorpasso (2-1) il malcapitato Grosseto, andando a prendersi con le cattive, grazie alla doppietta del suo pupillo (e son già 4!), la testa della cadetteria. Le sorprese in questo sport insomma non finiscono mai, come dire.. ne vedremo ancora delle belle.

Quelle belle che finalmente assaggia il Torino di Lerda, regalando una superprestazione, tirando un sospirone di sollievo ed elargendo il “testimone” della crisi al Sassuolo del povero collega Arrigoni (1-2) che davanti ai suoi tifosi, nella gara della vita e con al volante un superbolide targato Mapei, non riesce a ritrovare il semaforo verde, impattando questa volta nel rossogranata del rinato Sgrigna, uno di quelli che quando parte con la palla ai piedi non le manda certo a dire ai suoi avversari e si infila con prepotenza nel tabellino-spettacolo già marcato dai soliti, ormai prevedibili, Iunco e Catellani.

Prevedibili come la corsara Atalanta che con un pò di fortuna ed il cinismo delle grandi che sanno quel che vogliono, si riprende i tre punti all’Adriatico della neo-promossa Pescara con la premiata ditta Manfredini-Tiribocchi (0-2): i biancoazzurri dovranno per forza di cose registrare la fase offensiva ed essere più pungenti in attacco, altrimenti saranno guai seri per la squadra di Di Francesco.

Guai bianconeri che si abbattono sul Cittadella stritolato a Siena (3-1) e sul Piacenza battuto “al Garilli” dall’Ascoli (2-4) del sempreverde Gustinetti: i veneti vengono infilzati da due frecce scoccate, tra cartellini rossi e rigori, dall’arciere Calaiò, mentre gli emiliani si beccano un poderoso poker servito da Bonvissuto & company, regalando spettacolo e divertimento al contrario dell’arbitro Massa che con diverse decisioni cervellotiche finisce per scontentare tutti.

Da un poker ad un altro, quello rifilato dal Padova alla Reggina nell’anticipo serale di venerdì che vede Atzori salutare il veneto con il mal di testa (4-0); i complimenti del caso vanno tutti al giovanissimo talento di appena 17 anni (18 a fine ottobre) El Shaarawy, scuola Genoa, che non solo segna la sua prima rete nei professionisti, ma sa anche come incidere nel gioco offensivo dei biancorossi di Calori che lo rischia e viene quindi ripagato.

Il risultato che non ti aspetti arriva invece in VicenzaLivorno, dove fra Baclet ed Abbruscato, Tavano e Dionisi, trionfa un pari poco convincente e senza marcature (0-0), anche se i toscani recriminano per una rete annullata al numero 8 amaranto su un fuorigioco alquanto dubbio.

E spostandoci sui cugini azzurri dell’Empoli, non cambia il segno sulla schedina neanche “al Castellani”, con un impatto un pò a sorpresa (1-1) nella dodicesima partita contro la Triestina: tutto nella prima mezzora dove al solito indemoniato Coralli, risponde con un bel diagonale Testini, seppure i veri protagonisti del pomeriggio sono i portieri Handanovič e Colombo.

Una traversa colpita al novantesimo da Gerardi fa invece tremare di brutto il Frosinone di Carboni (1-0), a cui basta l’uscita a farfalle del portiere del Portogruaro Rossi, per mandare in rete l’habituè Santoruvo con un colpo di testa maligno quanto irridente.

Dai bassifondi giunge al cielo il grido disperato di Mondonico, tramortito dopo il vantaggio dell’avversario Neto Pereira ed infine resuscitato grazie alle reti di Piccinni, Salvi e Torri con cui il suo Albinoleffe strappa finalmente i tre punti ad uno strano Varese che, dopo il consueto avvio tutto-sprint, finisce col deludere le aspettative della vigilia (3-1), sorprendendo sul più bello gli uomini del vulcanico mister Sannino.

Vigilia che si presenta ricca di emozioni nel posticipo serale di questa sera “all’Ezio Scida” di Crotone, dove la squadra calabrese proverà a fermare la corsa di un Modena ancora imbattuto ed intenzionato a non perdere colpi: preparate la poltrona e piazzatevi davanti al televisore, scommettiamo che ci sarà da divertirsi.

Per la rubrica CineSerieB, questa volta vi segnalo le strepitose reti di Sgrigna (Torino) e Vitiello (Grosseto), lo splendido assist di tacco di Bonvissuto per il goal di Micolucci (Ascoli), le parate a ripetizione di Handanovic (Empoli) e la sfortunata uscita a vuoto del collega Rossi (Portogruaro) che ha permesso a Santoruvo di infilare i veneti.

Ed infine eccovi l’attuale classifica del torneo:

Novara 10; Ascoli, Atalanta e Siena 8; Modena* e Vicenza 7; Empoli e Portogruaro 6; Padova, Frosinone, Livorno, Triestina e Varese 5; Sassuolo, Torino, Albinoleffe e Reggina 4; Crotone* e Cittadella 3; Grosseto e Pescara 2; Piacenza 1.

* = una partita in meno

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film