Connect with us

Pubblicato

il

Noto che spesso, nelle telecronache e nelle radiocronache, si fa un grande uso di alcuni termini che mi lasciano alquanto perplesso. Tra questi: cinismo, cattiveria e la mette dentro.

Orbene, cinismo significa disprezzo, indifferenza verso la morale e i valori comuni. Che c’entra con le azioni di gioco? Perché gli atleti dovrebbero essere cinici per conquistare la vittoria? Non bastano preparazione fisica, tecnica e rispetto delle tattiche e delle strategie proposte dall’allenatore?

Cattiveria, significa malvagità, malignità, perfidia. Che c’azzecca con il calcio e con il fair play?

La mette dentro, nello spirito del calcio, significherebbe mettere la palla dentro la porta. Invece senti utilizzata questa espressione ogni volta che il pallone viene indirizzato verso l’area di rigore. Non è un mettere in allarme un ascoltatore per un semplice cross in area?

Non sarebbe opportuno un uso più calibrato della nostra lingua che, pure, sa offrirci tanti e tali termini da poter bene raccontare le fasi del gioco?

Ho l’impressione che, per pura pigrizia mentale, o anche per limiti linguistici, vengano ripetute frasi fatte dando l’idea di una sciatteria linguistica che un giornalista non dovrebbe dare. Di solito il linguaggio del giornalista dovrebbe servire a far migliorare la conoscenza dell’ascoltatore e offrire anche mezzi di confronto e di crescita culturale anche per gli addetti ai lavori che, proprio perché si dedicano da giovanissimi al calcio, non hanno avuto il tempo di formarsi una base di conoscenza linguistica che, pure, sarebbe necessaria considerando i tanti momenti in cui, per interviste o altro, gli stessi calciatori sono chiamati ad esprimere un loro giudizio sulla partita giocata.

L’uso indiscriminato e superficiale della nostra bella lingua da parte dei giornalisti sarebbe da condannare e da rimproverare quasi quanto un errore tecnico da parte di un atleta, soprattutto perché le frasi usate dai giornalisti vengono ripetute pedestremente da allenatori e giocatori che si riempiono la bocca con queste espressioni: dobbiamo imparare ad essere più cinici, dobbiamo essere più cattivi…

Suvvia, imparate ad essere più validi tecnicamente e più preparati fisicamente e vedrete che il cinismo e la cattiveria potete lasciarli ad altri ed in altre situazioni.

Gianni Lussoso www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali2 settimane fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali4 settimane fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 mesi fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato2 mesi fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni2 mesi fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato diffuso a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi