Connect with us

Pubblicato

il

Sembra non aver fine il calvario dell’Hellas Verona in Lega Pro. Quella appena iniziata è la quarta stagione nella vecchia serie C1 (che Macalli ha deciso di ribattezzare pomposamente Prima Divisione), ma il club scaligero del presidente Martinelli non riesce proprio a uscire dal tunnel in cui si è andato a cacciare. Si susseguono allenatori, giocatori, direttori sportivi e quant’altro. Ma il risultato è sempre lo stesso: cambiato l’ordine dei fattori il prodotto non cambia.

I tifosi  gialloblù,i fantastici “butei” (nella foto) che anche quest’anno hanno sottoscritto circa ottomila abbonamenti e affollano il Bentegodi in più di diecimila ogni volta che l’Hellas gioca in casa (a conferma di un legame speciale con la loro squadra del cuore), non sanno più a che santo votarsi. Una specie di maledizione quella che si sta abbattendo sul club di riferimento della città di Verona e sulla sua gente, che davvero non meriterebbe un simile trattamento.

Anche quest’anno le cose sembrano mettersi male. Dopo cinque giornate l’Hellas è desolatamente ultimo in classifica nel suo girone, in compagnia del ripescato Bassano, con la miseria di quattro punti nel carniere. La scintillante vittoria al Brianteo di Monza aveva illuso l’ambiente, ma resta l’unica dall’inizio del torneo. Poi, solo delusioni.

Mastodontica quella di ieri a Gubbio, con l’Hellas in rete appena in apertura di partita che si fa rimontare e mettere sotto (c’è anche lo zampino dell’ex Gomez) da una formazione non trascendentale e per di più neofita della categoria. Una delusione tanto grossa da abbattere un bue..

L’arrivo di Giannini in panchina, di due bomber di spessore come Le Noci e Pichlmann, di un buon giocatore come l’islandese Hallfredsson: tutto inutile. Il modulo dell’ex Principe, un 4-3-1-2 abbastanza inedito per questa categoria, non riesce a produrre frutti e il Verona sprofonda verso il basso quasi senza colpo ferire. Eppure l’ex capitano della Roma avrebbe dovuto approfittare diversamente della ghiotta opportunità che gli era capitata a tiro, dopo le brutte esperienze sulla panchina della Massese prima e su quella del Gallipoli poi. Niente di tutto questo. Per l’Hellas è buio pesto.

Domenica prossima i gialloblù saranno ancora in trasferta, stavolta al Giglio per affrontare la Reggiana. Sulla panchina ci sarà ancora Giannini. Vista la deludente esperienza della fiducia incondizionata concessa a Remondina lo scorso anno, quando la promozione sembrava a portata di mano, la fiducia a tempo è davvero una buona soluzione? Questa è la domanda.

Sergio Mutolowww.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali3 settimane fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 mesi fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato2 mesi fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni2 mesi fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato diffuso a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi