Connect with us

Pubblicato

il

L’accoglienza dei tifosi e dei media verso Milos Krasic (nella foto, il giorno della presentazione), centrocampista serbo classe 1984 arrivato alla Juventus durante il calciomercato estivo dal CSKA Mosca, è stata piuttosto tiepida.

Non sembravano forse all’altezza della società bianconera i suoi precedenti nel club russo (dove ha giocato per cinque anni) e, prima ancora, nel Vojvodina (anche qui cinque stagioni). Nell’immaginario popolare era rimasta solo quella vaga rassomiglianza con il grande Nedved, legata a quel gran cespuglio di capelli biondi, e poco altro.

Il fatto è che nel 4-4-2 di Delneri, più didatta che allenatore e per questo finora poco vincente, uno come lui potrebbe risultare fondamentale. Si tratta di un esterno capace di veloci sgroppate sulla fascia, abile a puntare e spesso superare per l’avversario, oltre che a fornire assist preziosi per i compagni che stazionano nell’area avversaria.

Non è un caso che proprio ieri, nella partita che ha segnato il ritorno alla vittoria della Juve al Friuli con l’Udinese (con il rotondo risultato di 4-0), proprio dal suo piede siano partiti il rasoterra che ha fatto segnare Quagliarella e l’assist volante che ha propiziato la rete di Marchisio.

Delneri deve essersi leccato i baffi nel rendersi conto che l’allievo ha saputo recepire in toto gli insegnamenti del suo maestro: questo è il massimo della goduria per il tecnico bianconero (quasi sosia dell’ispettore Clouzot immortalato al cinema dal mitico Peter Sellers), il cui credo nel modulo è quasi talebano.

Il prode Krasic, alla terza partita in campionato con la maglia bianconera ha dimostrato di essere in costante crescita anche se manca ancora di continuità e, dopo una mezzora di gran carriera, si è un po’ defilato dal gioco. Quelle scavallate in progressione sulla fascia e i due assist al bacio che hanno portato alla segnatura di due reti, fanno comunque sognare i tifosi.

Ciò che conta più di ogni altra cosa è la sua naturale predisposizione a inserirsi con le sue grandi doti nel 4-4-2. Questa, per Delneri, è in prospettiva la cosa migliore che sarebbe potuta capitargli. 

Lu. Cian. – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali2 settimane fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali4 settimane fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 mesi fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato2 mesi fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni2 mesi fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato diffuso a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi