Connect with us
Sergio Mutolo

Pubblicato

il

La colpa non è solo della Tessera del tifoso, visto che le motivazioni sono ovviamente più complesse. Certo è che la card imposta dal ministro dell’Interno Roberto Maroni rischia di dare la mazzata finale a un calcio già alla canna del gas.

Gli abbonamenti, che andavano obbligatoriamente sottoscritti con la Tessera, sono sensibilmente calati. La diminuzione è valutabile in circa un quarto, rispetto ai dati della scorsa stagione. In alcuni casi come quello della Lazio, che pure è capolista con l’Inter, si può parlare di un vero e proprio crollo. Netta anche la flessione dei sostenitori che seguono la loro squadra in trasferta. Le ripercussioni sui bilanci societari, che sono di per sè disastrati, si faranno presto sentire.

Il fatto grave e paradossale, in termine di gestione della sicurezza all’interno degli stadi, è che i tifosi “non tesserati” vanno a finire in mezzo ai rivali. E’ già successo in Inter-Bari e in altre partite. Continuerà a succedere. Ieri al Franchi, in occasione della partita Fiorentina-Parma, un centinaio di tifosi gialloblù “non tesserati” (impossibilitati a comprare il biglietto nel settore loro riservato secondo le norme ministeriali) hanno acquistato tagliandi per i quali non è necessaria la TDT.

Il gruppo è stato sistemato in una specie di mini-formaggino in Curva Ferrovia, settore destinato ai tifosi della Fiorentina, separato dai sostenitori viola da un cordone di stewart. Non è successo niente, anche perché quella tribuna era desolatamente vuota (appena ventimila gli spettatori che hanno assistito alla gara).

La TDT rischia di spaccare anche le tifoserie, e molte già lo sono. Sempre al Franchi, nella gara con il Parma connotata da un sostegno spettacolare del pubblico alla Fiorentina vittoriosa con il Parma, bordate di fischi sono state indirizzate dalla curva Fiesole ai tifosi viola “non tesserati” che espongono il loro striscione in occasione delle gare interne (nella foto, scattata dalla tribuna) e acquistano il biglietto volta per volta.

Questa card non piace (quasi) a nessuno. Chi l’ha imposta non fa niente per farla piacere né per rimediare ai troppi paradossi che sta creando. Finora ci si consola perché non è successo niente, ma il futuro è tutto da decifrare. Mai dire mai, nella vita e nel calcio. 

Calcio, tifosi senza tessere

Sergio Mutolowww.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Off Side7 ore fa

Serie A Femminile, stadi vuoti e pesci rossi

La Serie A Femminile si avvia verso la conclusione di un campionato giocato a porte chiuse. Un vero e proprio...

Editoriali3 giorni fa

Serie A Femminile, i settori giovanili come plusvalore

La transizione della Serie A Calcio Femminile dallo status dilettantistico a quello professionistico, che si concretizzerà al termine della prossima...

Editoriali1 settimana fa

Serie A Calcio Femminile, nuovi orizzonti per nuove prospettive

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il lontano 22 agosto 2020. La...

Editoriali1 settimana fa

Serie A Femminile, tutto il bello della domenica

Il calcio era entrato in crisi molto prima della pandemia. Veniva fatto correre a rotta di collo lasciando pochissimo spazio...

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile, a proposito di “mission” e nuovo corso

La transizione verso il professionismo della Serie A Femminile – fortemente voluta dal presidente della Figc Gabriele Gravina e sostenuta...

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile, ad aprile si è giocato solo una volta!

Calciopress, con due successive riflessioni, ha sottolineato l’incredibile durata del campionato di Serie A Femminile stagione 2020-21 >>> LEGGI: “Serie...

Editoriali2 settimane fa

La Serie A Femminile e l’ossigeno della “meglio gioventù”

Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile rende ineludibile il potenziamento dei settori giovanili>>>“Serie A Femminile  e ruolo dei...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film