Connect with us

Pubblicato

il

Logo FIGCIl vice­presidente della Figc, Demetrio Albertini, aveva toccato il tema già un paio di mesi fa (leggete QUI i particolari) e lo riprende oggi con ancora maggior vigore. Stiamo parlando dell’iscrizione in Lega Pro delle “squadre B” della Serie A TIM.

Lo rende noto il quotidiano Tuttosport al quale l’ex calciatori, oggi dirigente federale, spiega: “In Italia i talenti esplo­dono a 23-24 anni, all’estero a 18-19. Per risolvere il problema biso­gna dare a chi esce dalla Pri­mavera e non è pronto per giocare in serie A, l’opportu­nità di confrontarsi con gio­catori più esperti e maturi”.

Considerato che tali opportunità i giovani calciatori non riescono più a trovarle in Serie B, ecco l’idea di scendere di categoria. L’ipotesi prospettata da Albertini è di quelle che potrebbero cambiare la faccia a un calcio minore ormai alla canna del gas: “Si è aper­to un tavolo presieduto dal presidente della Lega Pro Mario Macalli, e al quale partecipano tutte le compo­nenti del nostro calcio, che si occuperà di trovare una so­luzione”.

Quanto tempo occorrerà per trovare la soluzione “è difficile dirlo adesso – sottolinea l’ex cen­trocampista di Milan e Na­zionale – ma l’auspicio è riuscirci in due anni”.

Le soluzioni, per il vicepresidente federale, sono già confezionate. Il calcio estero indica le strade da battere, si tratta solo di scegliere quale imboccare: “In realtà non dobbiamo speri­mentare nulla. In Spagna, Inghil­terra, Francia e Germania esistono da tempo realtà in­termedie tra il settore giova­nile e la massima divisione. Questa struttura ha dato i suoi frutti: si tratta di rita­gliare una formula su misu­ra per il nostro calcio”.

Le ipotesi sono due: a) in In­ghilterra c’è un campionato riserve, senza promozioni o retrocessioni, in cui i giovani giocano con chi non trova spazio in pri­ma squadra; b) in Francia, Germania e Spagna i club hanno una seconda squadra (la cosiddetta “squadra B”) che gioca nelle divisioni inferiori, è soggetta a promozioni e/o retrocessioni e non può mai disputare lo stesso campionato della squadra principale.

Quale percorso imboccare per il rilancio del settore giovanile? “La scelta della formula – ­precisa il vicepresidente fe­derale – spetta al tavolo che ha appena iniziato a lavora­re. Così come la struttura delle nuove squadre e il tipo di legame che potranno ave­re con la formazione princi­pale. In Germania Luca Toni, prima di passare alla Roma, giocava nella squadra riserve del Bayern in terza divisio­ne nazionale. In Spagna i giocatori pos­sono passare dalla squadra riserve a quella principale a stagione in corso ma, dopo aver disputato un certo nu­mero di partite, non possono più scendere nella formazio­ne riserve”.

Ad Alberti­ni l’idea che piace di più è quella di “squadre B” iscrit­te al campionato di Lega Pro: “Già oggi in Lega Pro le società, per ottenere i con­tributi federali, danno abba­stanza spazio ai giovani. Però un’Inter B, potendo per­mettersi senza problemi di perdere anche due o tre par­tite consecutive, darebbe ov­viamente ancora più possibi­lità ai suoi giovani. E il cam­pionato di Lega Pro è molto formativo: ci sono elementi esperti, si gioca per i tre pun­ti e c’è l’agonismo giusto”.

Tutto bene, dunque, almeno a parole. Si tratta di vedere, nei fatti, cosa ne pensano il presidente della Lega Pro Mario Macalli e i club iscritti alla terza/quarta serie nazionale (attualmente 86).

So. Gian. – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali3 settimane fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 mesi fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato2 mesi fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni2 mesi fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato diffuso a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi