Connect with us
Avatar

Pubblicato

il

Nell’imminenza del doppio impegno che attende l’Italia contro Irlanda del Nord (Belfast, venerdì 8 Ottobre 2010, ore 20.45 italiane) e Serbia (Ferraris di Genova, martedì 12 Ottobre 2010, ore 20.50) i 23 giocatori convocati sono concentrati da lunedì a Firenze presso il Centro Tecnico di Coverciano. Tornano a casa Alberto Gilardino e Luca Antonelli (infortunati). Al loro posto sono stati chiamati Sergio Floccari (Lazio) e Cristian Molinaro (Stoccarda). Nel doppio confronto di Belfast e Genova sono in gioco le qualificazioni per UEFA EURO 2012.

Gli Azzurri hanno sostenuto nel pomeriggio di ieri la prima seduta di allenamento. Alcuni giocatori sono stati ripresi mentre si sono impegnati in una serie di esercizi col pallone per un dvd del Settore Giovanile Scolastico della Federcalcio che comprenderà anche interviste a Baggio, Sacchi e Rivera, e che sarà allegato alla guida teorica stampata per gli allenatori delle scuole calcio.

L’avventura di Cesare Prandelli (nella foto) sulla panchina degli Azzurri è cominciata a Tallinn con una sofferta vittoria per 2-1 contro l’Estonia, alla quale ha fatto seguito il 5-0 contro le Isole Faroe al Franchi di Firenze, città in cui il tecnico di Orzinuovi ha trascorso cinque stagioni alla guida della Fiorentina.

Attraverso i risultati sul campo, il ct azzurro si propone di  riavvicinare la Nazionale alla gente. Per farlo bisogna riconquistare la fiducia di tifosi che si sono sentiti traditi dopo la cocente delusione del Mondiale in Sudafrica.

Prandelli è perfettamente consapevole delle responsabilità che si è assunto: “Quello di ct è certamente un ruolo che comporta grandi pressioni. Ma dobbiamo pensare soprattutto a costruire una nuova squadra, dotata di uno spirito nuovo”.

Il ct si propone soprattutto l’obiettivo di recuperare credibilità e consenso intorno all’Italia. Per farlo cerca il sostegno dei tifosi: “Dobbiamo ricucire il rapporto. Dobbiamo restituire qualcosa alla gente che viene a vederci allo stadio e in particolare a chi viene a seguire gli allenamenti. Dobbiamo essere generosi con i nostri tifosi”.

L’obiettivo dichiarato è quello di riportare i tifosi al centro del calcio. Non è cosa di poco conto, in tempi in cui il mondo pallonaro moderno tende sempre più a trasformarsi da gioco in spettacolo virtuale al servizio delle pay tv.

In queste parole, apparentemente semplici, c’è tutta la filosofia del nuovo allenatore azzurro. Che la buona sorte sia con lui e con noi. 

Ste. Mu. – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film