Connect with us

Pubblicato

il

Non poteva essere diversamente. L’indecoroso spettacolo di ieri sera al Ferraris di Genova, che il sistema mediatico ha immediatamente contribuito a diffondere, è stato troppo triste per pensare che non lasciasse il segno.

Italia-Serbia rischia così di trasformarsi in un caso politico. Certamente se ne continuerà a parlare per giorni.

Lo è già divenuto a livello di istituzioni calcistiche. La Uefa di Platini ha messo pesantemente sotto accusa la Figc di Abete, contestando livelli organizzativi apparsi quanto mai approssimativi. Anche l’Italia rischia grosso, in termini di provvedimenti punitivi sul piano sportivo.

Lo sta per diventare anche a livello di Parlamento italiano. Il ministro dell’Interno, Roberto Maroni (nella foto), è sotto accusa per la folle serata di Marassi. Sembra impossibile che un centinaio di teppisti ultranazionalisti serbi abbia potuto tenere in scacco un intero stadio fino a determinare la sospensione di una partita di questo livello. La città di Genova è stata tenuta in ostaggio fino a notte fonda.

Maroni si difende e spiega: “Nessuna responsabilità della polizia italiana, abbiamo evitato una strage”. Non la pensa così l’opposizione. Il Pd chiede al ministro degli interni “di capire come sia stato possibile che questo gruppo di violenti sia potuto giungere in Italia, a Genova e dentro allo stadio con tutto il corredo di armi improprie senza che nessuno sia stato in grado nè di fermarli, nè di isolarli e nè di disarmarli. Ancora una volta ieri lo sport è stato sconfitto dalla violenza. Qualcuno deve spiegare perchè”.

Massimo Donati, presidente dei deputati dell’Italia dei Valori, chiede le dimissioni di Maroni. “Dopo la notte di guerriglia e devastazione di Genova il ministro dell’Interno ha il dovere di rassegnare le proprie dimissioni. La pericolosità dei tifosi serbi è nota in tutta in tutta Europa, si sa che sono organizzati in gruppi paramilitari ed hanno avuto ruoli terribili nel corso delle guerre balcaniche”.

Donati, giustizialista che appartiene al partito di Di Pietro, rincara la dose e fa riferimento all’introduzione della Tessera del tifoso imposta da Maroni ai club italiani: “Ai tifosi italiani  è stata imposta la tessera del tifoso e i controlli per accedere negli stadi sono molto rigorosi. Cosa è successo ieri sera? Si deve fare chiarezza e accertare tutte le responsabilità, a partire da quelle di Maroni”.

Le Tigri di Arkan sono un genere ben più pericoloso e difficile da maneggiare, rispetto agli ormai disincantati tifosi italiani. 

Fran. Co. – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Opinioni7 giorni fa

La Juventus si riprende il talento di Sofia Cantore: sarà qualcosa di travolgente?

Quando nella stagione 2020-21 Sofia Cantore fu trasferita alla Florentia San Gimignano, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni...

Editoriali2 settimane fa

Superlega Serie A femminile: un occhio di riguardo per i vivai

Per certificare il ruolo cruciale dei settori giovanili nella prossima Superlega professionistica della A femminile, è necessario tenere bene a...

Opinioni2 settimane fa

Calcio femminile e ‘grande storia’ dei club: solo il tifo non è negoziabile

Il calcio è uno sport bellissimo, a prescindere dal genere. La sua valenza sociale riposa nella trasversalità del tifo, che...

Editoriali2 settimane fa

Serie A e Serie B femminili: mancano pochi giorni alle iscrizioni

Il termine di scadenza per le iscrizioni ai campionati di Serie A e Serie B femminile incombe. Entro le ore...

Opinioni3 settimane fa

Calcio femminile, non solo Superlega: e la copertura mediatica?

La Serie A Femminile – con il passaggio al professionismo – deve stabilire la sua mission, che passa attraverso un...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, occorre ossigeno: in campo la ‘meglio gioventù’

✅ Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile rende ineludibile il potenziamento dei settori giovanili 👉🏾 “Serie A Femminile  e...

Opinioni2 mesi fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi