Connect with us
Avatar

Pubblicato

il

Nella partita con il Lecce si perpetua il fantastico campionato di Milos Krasic (nella foto, con la maglia della sua nazionale), sempre più destinato a cambiare i destini della Juventus se proseguirà sulla strada fin qui intrapresa.

Il ventiseienne serbo di Kosovska Mitrovica, arrivato in maglia bianconera dopo cinque anni trascorsi in Russia nelle file del CSKA Mosca, sta mettendo il turbo alla squadra allenata da Delneri. Il tecnico friulano ha (forse) trovato in Krasic la chiave di volta per realizzare fino in fondo il suo didattico 4-4-2 e farlo entrare nel cuore dei milioni di tifosi juventini che non aspettano altro dalla vita.

Finora Milos ha sempre imposto il suo gioco sulla fascia destra, nelle sette partite giocate finora nel campionato di Serie A TIM. Anche ieri ha fatto furore e, sotto la sua spinta, il Lecce è finito sotto di quattro reti nella gara giocata all’Olimpico di Torino.

Scodella il solito assist dalla fascia destra che fa andare in rete Quagliarella, colpisce un palo, sfiora per due volte la rete personale e fa ammonire tre avversari. Questo lo score del martellante serbo che sta velocemente prendendo il posto di Nedved nel cuore dei tifosi bianconeri.

Una specie di martello pneumatico, capace di sbriciolare le difese più ostiche, praticamente immarcabile da qualsiasi terzino sinistro che abbia cercato finora di mettersi sulla sua strada. Un giocatore che coniuga mirabilmente velocità e potenza, bravo a mettere su di giri le gambe ogni volta che parte da fermo. Una vera tortura imbattersi in questa forza della natura.

Finita la partita con il Lecce rientra negli spogliatoi da migliore in campo, come sempre, tra il tripudio dei sostenitori juventini. Per sapere qualcosa di più su questo mezzo uragano in terra ferma si rinvia al vocabolario Zingarelli. Voce da ricercare?Incontenibile. 

Ste. Mu. – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film