Connect with us
Avatar

Pubblicato

il

Quasi a sorpresa Ciro Ferrara (nella foto) diventa commissario tecnico della Nazionale Under 21. Il roccioso ex difensore della Juventus prende il posto di Pierluigi Casiraghi, a pochi giorni dal divorzio maturato con la Figc dopo il fallimento degli Azzurrini in Bielorussia. Un flop che è costato all’Italia la contestuale eliminazione dal Campionato Europeo di categoria 2011 e dalle Olimpiadi di Londra 2012. Il suo vice sarà Angelo Peruzzi. Insieme avranno tempo e modo di ricostruire il team uscito a pezzi dal naufragio di Borisov.

Si era pensato a una soluzione interna, pescando tra i tecnici federali (Evani, Viscidi). Era stato prospettato anche un nome esterno (il sacchiano di ferro Ballardini). Alla fine Abete, Albertini e Sacchi (con la benedizione di Petrucci) hanno optato per Ferrara. L’ex giocatore napoletano prenderà un ingaggio di 250mila euro, ma ha capito che questa potrebbe essere la sua grande occasione per intraprendere la carriera di allenatore verso la quale ha deciso di orientarsi.

Il Ciro Ferrara giocatore, dopo aver collezionato 500 presenze in Serie A tra Napoli e Juventus, ha vinto praticamente tutto quanto c’era da vincere: 7 scudetti (5 con la Juventus e 2 con il Napoli), 2 Coppe Italia, 5 Supercoppe italiane, 1 Champions League, 1 Coppa Intercontinentale, 1 Supercoppa europea. Tirato a lucido anche il suo palmares in Nazionale: 49 presenze, un terzo posto a Italia ’90 e un secondo posto agli Europei del 2000.

Meno brillante il suo curriculum come tecnico. Nel 2005 entra a far parte dello staff di Lippi nella Nazionale azzurra e partecipa al trionfo nel Mondiale di Berlino. Nelle ultime partite del campionato 2008-09 prende il posto di Ranieri sulla panchina della Juventus e viene confermato nella stagione successiva per essere poi esonerato e sostituito da Zaccheroni. Un’esperienza da cui esce a pezzi: “ Da questa esperienza ho imparato come se avessi allenato dieci anni”. Dopo essere arrivato a una panchina scottante come quella bianconera senza aver fatto nessuna gavetta, Ferrara era disoccupato da gennaio. Nel frattempo ha studiato l’inglese e i metodi di allenamento di molti suoi illustri colleghi.

Un tecnico che si dichiara pronto ad affrontare un compito di ricostruzione che si prospetta difficile. I giovani li conosce. E’ stato responsabile del settore giovanile della Juventus. Nell’ultima Under 21 sono stati schierati alcuni elementi che erano sotto la sua giurisdizione (Ariaudo, Immobile, Marrone e Pasquato).

Una seconda occasione che Ciro non vuole sbagliare. Tra i primi a complimentarsi l’ex ct della nazionale azzurra Lippi, che ha dettato una nota stampa alle agenzie: “Ferrara e Peruzzi sono due persone di altissimo livello morale e tecnico. Ripeto e sottolineo, sono due ragazzi di livello morale e tecnico molto alto”.

Ci sentiamo di sottoscrivere questo giudizio, soprattutto sotto il profilo umano, che accomuna la nuova coppia alla quale è stato affidato il futuro prossimo venturo del nostro (derelitto) calcio. Buona fortuna a loro e a noi. 

Ste. Mu. – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film