Connect with us
Avatar

Pubblicato

il

Il girone A continua a regalare sorprese: la Salernitana cade clamorosamente a Bassano (Mateos e Guariniello i firmatari dell’impresa) che finisce in dieci sul finire del primo tempo (espulso Basso) ma trova la forza per conquistare tre punti fondamentali per tirarsi fuori dalle sabbie mobili della zona retrocessione. I campani, mai veramente in partita, vengono così raggiunti in testa alla classifica dal Sorrento che conquista il sedicesimo punto sui diciotto a disposizione tra le mura amiche: stavolta è la Paganese che soccombe al solito gol siglato dal capocannoniere Paulinho tra le vibranti proteste azzurrostellate che lamentano alcune discutibili decisioni arbitrali (su tutte un rigore non concesso e un’espulsione, a Panini, apparsa alquanto eccessiva a detta di mister Palumbo).

Ai piani alti della classifica fa capolino ancora la Spal a due punti di distanza dalla coppia del golfo: pur senza brillare, gli estensi hanno battuto di misura il Gubbio al “Paolo Mazza” tornando così alla vittoria dopo un mese di digiuno grazie a un gollonzo del solito Cipriani, abile a sfruttare un bel cross di Smit. Vittoria di misura per il Lumezzane a Monza: decide Galabinov dopo appena tre minuti che firma i tre punti per la squadra della Val Gobbia e la condanna alla panchina di mister De Petrillo, sollevato in queste ultime ore dalla guida brianzola.

Al quarto posto, a pari merito con il Lumezzane, la solita Reggiana si conferma squadra solida e arcigna capace di lottare fino alla fine per le primissime posizione: a cadere inesorabilmente sotto i colpi dei granata stavolta è la Cremonese che al “Giglio” crolla sotto i colpi efferati degli ex Guidetti e Temelin a cui si aggiunge anche Alessi per un 3 a 0 finale che non lascia spazio ad alcun contraddittorio: alla fine salta anche la panchina di Baroni.

Nelle zone basse della classifica lo Spezia pesca una vittoria (la prima della gestione Pane) fondamentale contro il Verona grazie al neoacquisto Vannucchi che dagli undici metri non sbaglia e condanna oltremodo gli scaligeri ad uno stop tanto immeritato quanto inatteso (gli uomini di Giannini finiscono addirittura in nove dopo i rossi sventolati a Cangi e Mancini) dopo tre risultati utili consecutivi. Anche il Pavia interrompe la serie positiva del Pergocrema di Maurizi: ci pensa prima lo “squalo bianco” Ferretti e poi Marconi nel finale a sigillare il derby a favore della squadra di Andrissi; a nulla vale la rete a tempo ormai scaduto di Lolaico, al suo secondo gol consecutivo con la maglia gialloblu. Pareggio a reti bianche e senza sussulti a Como tra i lariani e il Sudtirol: per i padroni di casa secondo punto conquistato in casa dall’inizio del torneo, mentre gli altoatesini muovono la classifica e si portano ad un tranquillo nono posto.

Nel posticipo del lunedì al “Benelli”, sotto il diluvio, l’Alessandria conquista tre punti d’oro contro il Ravenna che la proiettano al secondo posto in classifica ad una lunghezza dalla coppia di testa Salernitana e Sorrento: fatale il liscio di Fasano proprio al novantesimo che da modo all’appena entrato Artico di firmare per i grigi una vittoria insperata ma importantissima per continuare la rincorsa alla vetta. 

Diego Stocchi Carnevali – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film