Connect with us

Pubblicato

il

La vetta della classifica cambia nuovamente la sua regina: questa volta è il Sorrento di Gianni Simonelli che, dopo tre vittorie consecutive, si insedia solitario in vetta: manco a dirlo, è il solito Paulinho (nono centro stagionale in undici gare) a due minuti dalla fine a regalare ai costieri i tre punti del primato dopo che il Lumezzane era riuscito con Calliari a trovare momentaneamente il pari a metà ripresa con i rossoneri andati per primi in vantaggio a inizio gara con Erpen (un altro che con il gol ha una certa confidenza).

I campani staccano la Salernitana che, in attesa delle decisioni definitive che verranno prese nel Consiglio Federale di martedì (la squadra del Golfo è, nel girone A assieme alla Spal, a rischio penalità), finisce in otto a Cremona dopo le espulsioni comminate a Peccarisi, Pestrin e Montervino: il pareggio alla fine, strappato con le unghie e con i denti, sa di autentico miracolo. E dire che le cose non si erano messe affatto male per la truppa di Breda, andata per prima in vantaggio con un gol del solito Merino, prima che Vitofrancesco trovasse l’opportunità giusta per regalare alla sua Cremonese un pari che non evita ad Acori un esordio comunque in chiaroscuro.

A proposito di Spal, i tre punti ottenuti a Bolzano sono un toccasana che regalano agli uomini di Notaristefano la seconda vittoria consecutiva: Cipriani (ottavo centro) e Meloni castigano il Sudtirol che colpisce anche una traversa e aspettano non senza qualche apprensione le notizie sulle condizioni fisiche di capitan Zamboni e Fofana, usciti anzitempo entrambi per problemi muscolari. In una giornata in cui il fattore campo è stato completamente ribaltato, dove non c’è stata nessuna affermazione interna, anche la Reggiana pesca il jolly ad Alessandria con il rinato Guidetti: fanno festa in campo i granata di Mangone e in tribuna la nuova dirigenza insediatasi in settimana e presente al gran completo nella trasferta piemontese. Gli emiliani si trovano ora a tre punti dalla vetta ma domenica prossima dovranno fare a meno del difensore Mei, espulso al “Moccagatta” nel finale di partita.

Per la Paganese è ufficialmente crisi: la sconfitta interna contro il Monza in una sfida che sa di scontro diretto, è un chiaro segnale di cui bisogna assolutamente tener conto: per quattro volte nelle ultime cinque sfide la squadra di Palumbo è uscita con il pugno di mosche in mano e anche la classifica inizia davvero a farsi preoccupante. Avanti i brianzoli (che in settimana tra le altre cose annunceranno il nuovo tecnico) con Ferrario nella prima frazione, a nulla vale il pari agguantato da Triarico a metà ripresa, vanificato da una prodezza del difensore Ricci che, con un tiro a girare, beffa l’incolpevole Gabrieli dopo che la sfera si era andata a stampare sul palo.

Pareggio giusto al “Fortunati” tra Pavia e Como: il quarto centro dello “squalo bianco” Ferretti regala una gioia che dura appena tre minuti ai tifosi di casa che vedono capitolare il proprio estremo difensore ad opera di Cozzolino con un gol che, in attesa del recupero tra Spezia e Ravenna (rinviata per avverse condizioni meteo), consente ai lariani di abbandonare l’ultimo posto in classifica.

Capitola in casa anche il Gubbio di Torrente al secondo stop consecutivo, il primo al “Barbetti”: il Pergocrema di Maurizi riprende la marcia interrotta due settimane fa e, cosa da non sottavalutare, pur avendo un modulo decisamente offensivo, ha la migliore difesa del torneo. I gol vittoria arrivano nella ripresa per i lombardi con Basile prima e Ghidotti poi (espulso nel finale).

Finisce in parità il derby veneto tra Hellas Verona e Bassano: gli scaligeri stentano a decollare a prescindere dalle assenze (ben sei) ma vanno per primi in vantaggio con l’uruguagio Vergini a inizio gara. Il pareggio è opera del solito bomber Crocetti che, pur partendo dalla panchina perché non in grandi condizioni a causa di un infortunio rimediato in settimana, regala di tacco l’ics a Jaconi nell’unica occasione di giornata avuta dai giallorossi.

Diego Stocchi Carnevali www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Calciomercato1 giorno fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni2 giorni fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Editoriali1 mese fa

Stefano Braghin e la missione del calcio femminile in Italia

Il direttore della Juventus Women, Stefano Braghin, ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club...

Opinioni1 mese fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, per nuove prospettive puntare verso nuovi orizzonti

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il 22 agosto 2020. La maggior...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film