Connect with us

Pubblicato

il

Calcio italiano sempre più nel marasma. Lo dimostra l’incaglio della trattativa in corso tra Lega Serie A e Assocalciatori per il rinnovo del contratto collettivo scaduto nel giugno scorso.

Le posizioni tra il presidente Beretta e il suo antagonista Campana sembrano sempre più distanti. I ruoli si fanno sempre meno definiti. Incombe lo spettro tragicomico dello sciopero dei calciatori milionari della Serie A TIM, ennesimo paradosso di un sistema Italia lasciato andare (nel suo complesso) alla più totale deriva.

Le dichiarazioni rilasciate (più o meno incautamente) delle (troppe) parti in causa sono sempre più sfaccettate, al punto che non si riesce a capire chi sta con chi per ottenere che cosa. Proviamo a mettere un po’ di ordine, anche se il caos è tale che il rischio di impantanarsi incombe anche su addetti ai lavori sconcertati dalla piega presa dagli eventi.

Il fuoco di fila inizia con l’Aic, che spara a zero contro il suo portavoce Massimo Oddo. Il giocatore del Milan, dopo aver svolto a tutto tondo il ruolo di falco, innesta la retromarcia dopo un incontro con Beretta e Lotito (assistito da due avvocati, così almeno pare). Raggiunge un accordo, a nome di chi non è dato sapere, e annuncia trionfante che non sussiste l’ipotesi dello sciopero. L’avvocato Sergio Campana interviene, sottolineando che il giocatore parla a titolo personale. Sta di fatto che, da ieri, Oddo è fuori dall’Aic. Comunque non ne è più il portavoce.

Scende in campo Demetrio Albertini, vice-presidente della Figc nominato dall’Assocalciatori. Anche lui tira bordate al povero Oddo e spiega che la riunione era solo un incontro tecnico all’insaputa di Aic e Figc (e forse anche della Lega). Poi chiarisce che mancano i presupposti per l’accordo.

Il presidente Maurizio Beretta trasecola, prende atto delle dichiarazioni del vice-presidente federale e accusa Albertini di conflitto di interessi. Lo invita, perplesso e molto arrabbiato, a smetterla di giocare su due sponde. Albertini o sta con l’Aic o si schiera con il suo presidente Abete, che vuole a tutti i costi arrivare a una soluzione.

Intanto Giancarlo Abete, che non ripara più visti i tanti problemi che gli continuano a capitare tra capo e collo, convoca per oggi un vertice Lega-Aic che dovrebbe portare avanti una trattativa a oltranza. Ma l’Aic di Campana ha già preannunciato che diserterà l’incontro e si limiterà a incontrare in separata sede solo il presidente della Federcalcio.

Lo sciopero sembrerebbe già fissato per il 14 novembre. Un’altra bella tegola sulla testa del già disastrato calcio nostrano e un ulteriore vulnus per l’immagine internazionale di un’Italia ormai incapace di uscire dalla palude in cui si è colposamente cacciata.

Un paese (quasi) allo sbando, nel quale il senso di responsabilità istituzionale sembra (è) diventato un disvalore. 

Sergio Mutolowww.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Opinioni1 ora fa

Serie A Femminile a rischio invasione straniere: rafforzare i settori giovanili

Passa anche attraverso il ruolo cruciale del settore giovanile di ogni singolo club la transizione verso il professionismo della Serie...

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: ci sono voluti 50 anni per il professionismo

“Siamo fatti anche noi della materia di cui sono fatti i sogni: nello spazio e nel tempo di un sogno...

Editoriali4 settimane fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: è una riforma affrettata?

👉🏽 La Divisione Calcio Femminile presieduta da Ludovica Mantovani, con il passaggio al professionismo, ha deciso che la serie A...

Editoriali4 settimane fa

La Serie A Femminile passerà a 10 club: Morace storce il naso

Carolina Morace ha scelto di prendere parte a “Campionesse“, la docuserie di Rakuten Tv disponibile dal 2 dicembre che racconta...

Editoriali2 mesi fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, un calcio che ha bisogno di ‘storie’

Eduardo Galeano è l’autore di uno dei libri più belli mai scritti per spiegare il mondo del pallone. “Splendori e...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi