Connect with us

Pubblicato

il

Calcio italiano sempre più nel marasma. Lo dimostra l’incaglio della trattativa in corso tra Lega Serie A e Assocalciatori per il rinnovo del contratto collettivo scaduto nel giugno scorso.

Le posizioni tra il presidente Beretta e il suo antagonista Campana sembrano sempre più distanti. I ruoli si fanno sempre meno definiti. Incombe lo spettro tragicomico dello sciopero dei calciatori milionari della Serie A TIM, ennesimo paradosso di un sistema Italia lasciato andare (nel suo complesso) alla più totale deriva.

Le dichiarazioni rilasciate (più o meno incautamente) delle (troppe) parti in causa sono sempre più sfaccettate, al punto che non si riesce a capire chi sta con chi per ottenere che cosa. Proviamo a mettere un po’ di ordine, anche se il caos è tale che il rischio di impantanarsi incombe anche su addetti ai lavori sconcertati dalla piega presa dagli eventi.

Il fuoco di fila inizia con l’Aic, che spara a zero contro il suo portavoce Massimo Oddo. Il giocatore del Milan, dopo aver svolto a tutto tondo il ruolo di falco, innesta la retromarcia dopo un incontro con Beretta e Lotito (assistito da due avvocati, così almeno pare). Raggiunge un accordo, a nome di chi non è dato sapere, e annuncia trionfante che non sussiste l’ipotesi dello sciopero. L’avvocato Sergio Campana interviene, sottolineando che il giocatore parla a titolo personale. Sta di fatto che, da ieri, Oddo è fuori dall’Aic. Comunque non ne è più il portavoce.

Scende in campo Demetrio Albertini, vice-presidente della Figc nominato dall’Assocalciatori. Anche lui tira bordate al povero Oddo e spiega che la riunione era solo un incontro tecnico all’insaputa di Aic e Figc (e forse anche della Lega). Poi chiarisce che mancano i presupposti per l’accordo.

Il presidente Maurizio Beretta trasecola, prende atto delle dichiarazioni del vice-presidente federale e accusa Albertini di conflitto di interessi. Lo invita, perplesso e molto arrabbiato, a smetterla di giocare su due sponde. Albertini o sta con l’Aic o si schiera con il suo presidente Abete, che vuole a tutti i costi arrivare a una soluzione.

Intanto Giancarlo Abete, che non ripara più visti i tanti problemi che gli continuano a capitare tra capo e collo, convoca per oggi un vertice Lega-Aic che dovrebbe portare avanti una trattativa a oltranza. Ma l’Aic di Campana ha già preannunciato che diserterà l’incontro e si limiterà a incontrare in separata sede solo il presidente della Federcalcio.

Lo sciopero sembrerebbe già fissato per il 14 novembre. Un’altra bella tegola sulla testa del già disastrato calcio nostrano e un ulteriore vulnus per l’immagine internazionale di un’Italia ormai incapace di uscire dalla palude in cui si è colposamente cacciata.

Un paese (quasi) allo sbando, nel quale il senso di responsabilità istituzionale sembra (è) diventato un disvalore. 

Sergio Mutolowww.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film