Connect with us

Pubblicato

il

Il Tottenham è quinto in classifica con quindici punti nella Premier League inglese, appaiato al WBA e staccato di ben dieci lunghezze dal Chelsea capolista di Carlo Ancelotti. E’ da questo dato che bisogna partire per valutare la dolorosa sconfitta dell’Inter di Moratti e Benitez al White Hart Lane di Londra (nella foto).

Sarà il caso di riflettere a fondo su quanto sta capitando al calcio italiano se l’Inter campione d’Europa uscente fa sembrare perfetta anche una squadra non trascendentale come il Tottenham, esattamente come è accaduto ieri sera, per poi essere affondata sotto il pesante fardello di tre reti in una partita di Champions League.

Una situazione che per i club di Serie A TIM si sta ripetendo troppe volte, a prescindere dall’avversario di turno (ucraini, bielorussi, austriaci, svizzeri e quant’altro), per essere interpretabile come un caso isolato dovuto a una giornata storta.

Si tratta cioè di capire quanto ieri sera siano stati grandi gli Spurs e quanto invece piccoli i nerazzurri, nel determinare un risultato finale che umilia a livello internazionale il Belpaese. Ancora una volta e ancora di più, vista la corazzata che ieri mettevamo in campo.

Nel caso specifico anche l’Inter, perso il suo abile nocchiero Josè Mourinho che la teneva comunque a galla, si è dimostrata una barchetta con le vele rotte. Un natante che va a fondo al primo colpo di vento.

Inutile continuare a perdersi, in casi come questi, in vaghe disquisizioni tecniche. Come pure lasciarsi andare ad analisi della partita in senso stretto. Tra Tottenham e Inter esiste, a livello di “grande stroria del club” e di potenzialità economica, un gap megalitico che però in campo non si è visto. I ruoli sono apparsi anzi rovesciati, come era (quasi) inevitabile che fosse vista la mediocrità tecnica del nostro campionato e la deriva del sistema calcio nel suo insieme.

In Italia (nel calcio e non solo) la situazione è sempre seria ma non grave, come sosteneva Ennio Flaiano? Sarà pure così, ma i tempi bui che stiamo vivendo esigerebbero di prendere una buona volta il toro per le corna. I problemi da cui siamo gravati, ai vari livelli, non possono più essere elusi. Diversamente la risalita del sistema paese e del sistema calcio saranno destinati a restare per lungo tempo un’Araba Fenice.

Calcio, occorre una svolta per ripartire 

Sergio Mutolowww.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Calciomercato1 giorno fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni2 giorni fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Editoriali1 mese fa

Stefano Braghin e la missione del calcio femminile in Italia

Il direttore della Juventus Women, Stefano Braghin, ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club...

Opinioni1 mese fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, per nuove prospettive puntare verso nuovi orizzonti

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il 22 agosto 2020. La maggior...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film