Connect with us

Pubblicato

il

Si profila un tuffo nel passato per la Juventus, in occasione della partita di Europa League con il Salisburgo che si gioca stasera allo stadio Olimpico di Torino? Potrebbe darsi. Cerchiamo di capire perchè.

Complice l’emergenza infortuni (solo dieci i titolari disponibili), Delneri ha dovuto pescare dalla Primavera per allestire la lista dei diciotto giocatori a referto. Il tecnico friuliano non si attacca ad alibi di sorta. Dichiara serafico e convinto che “i ragazzi aggregati alla prima squadra hanno le qualità necessarie per dire la loro”.

Ecco così che debutterà dal primo minuto Manuel Giandonato (classe ’91), schierato nella linea a quattro di centrocampo completata da Krasic a destra, Sissoko (acciaccato) al centro e Marchisio a sinistra. In panchina ci sarà un altro giovane bianconero dal nome illustre. Parliamo di Filippo Boniperti, nipote di Giampiero (icona del pianeta Juve).

Le sue possibilità di debuttare in prima squadra sono molto alte. Filipe Melo è out, Sissoko acciaccato e le porte del campo di potrebbero aprire per il giovane Primavera juventino. Il giovane Boniperti si era già affacciato in panchina il 28 gennaio scorso, quando Ciro Ferrara l’aveva convocato in occasione della partita con l’Inter di Mourinho in Coppa Italia.

Il tuffo nella memoria si completerà con la presenza in tribuna di Michel Platini. Un ritorno al passato che scalderà i cuori dei tifosi nella fredda notte di Torino. Dal 1982 al 1987, con Platini in campo e Boniperti presidente, la Juventus ha vinto tutto: 2 scudetti, 1 Coppa dei Campioni e 1 Coppa Intercontinentale.

Ste. Mu. – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Calciomercato1 giorno fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni2 giorni fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Editoriali1 mese fa

Stefano Braghin e la missione del calcio femminile in Italia

Il direttore della Juventus Women, Stefano Braghin, ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club...

Opinioni1 mese fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, per nuove prospettive puntare verso nuovi orizzonti

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il 22 agosto 2020. La maggior...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film