Connect with us

Pubblicato

il

Allo Iacovone si materializza un incubo per Migliaccio e compagni che si genuflettono di fronte al frizzante Foligno di mister Matrecano. Già le premesse iniziali lasciano presagire il peggio per i rossoblu, infatti al 5′ gli ospiti sono in vantaggio per merito di Fondi. La reazione degli jonici viene premiata, al 26′ del primo tempo, grazie al rigore trasformato da Innocenti, al sesto centro stagionale. I successivi attacchi tarantini, comunque, sono alquanto imprecisi e  non sortiscono l’effetto desiderato. L’intervallo non muta il canovaccio dell’incontro, con i locali alla confusa ricerca del raddoppio e gli umbri pronti a ribaltare l’azione in contropiede. L’inezia del match la stravolge Coresi che inventa una traiettoria magica su tiro franco. Lo svantaggio si rivela un fendente mortale per il Taranto che incassa anche la terza rete al 40′ su azione di ripartenza capitalizzata da Giacomelli. E’ il “game over” per le speranze di recupero tarantine. Lo Iacovone fischia i suoi beniamini e il tecnico Brucato. Di contro il meritato plauso è riservato alla brillante formazione umbra. Ci sarà molto da riflettere in settimana per l’entourage rossoblu. Il futuro non è più tanto roseo.

Cronaca. Al primo giro di lancette il Foligno si rende subito minaccioso con un azione in ripartenza: Sciaudone lancia in corridoio Falcinelli, l’attaccante spara un diagonale che si spegne al lato. E’ il preludio alla rete dei falchetti al 5′: Cavagna semina il panico nella trequarti rossoblu e pesca il taglio di Fondi, il quale fredda Bremec con un preciso diagonale. La risposta del Taranto cade al 10′: Migliaccio lancia Rantier, il francese effettua un pallonetto che sorvola la traversa. Tre minuti più tardi, lo stesso transalpino la mette in mezzo dal fondo per la conclusione di Taulo, ma il suo destro sfila al lato. Al 16′ ci prova Ciotola, la strada, però, gli viene sbarrata dalla parata a terra di Rossini. Al 19′, invece, il sinistro dal limite di Sabatino (innescato da Rantier) finisce fuori. Il salvacondotto per il Taranto giunge al 26′: Iacoponi commette un ingenuo fallo di mano su cross di Ciotola.

L’arbitro non ha dubbi: concede il penalty e ammonisce il difensore umbro. Innocenti dal dischetto spiazza Rossini e firma il pari. Il Foligno, comunque, reagisce prontamente alla mezzora, quando Cavagna lancia Falcinelli nello spazio, il giovane attaccante entra in area avversaria e scarica un mancino teso che viene, provvidenzialmente, deviato in corner da Migliaccio, proteso in scivolata. Occasione clamorosa per gli jonici al 33′: al culmine di una trama offensiva, ben congeniata da Rantier e Branzani, Ciotola, a tu per tu con Rossini, manca l’aggancio decisivo. I pugliesi vanno vicini al raddoppio anche al 44′: lo stesso scatenato Ciotola dalla sinistra sventaglia sul palo opposto, dove l’incornata di Innocenti lambisce il palo. Non si registrano altre emozioni fino al termine della frazione. Nella ripresa, dopo i primi minuti di noia, si segnala il tiro velleitario di Sciaudone dai venti metri, con la sfera abbondantemente alta. Due minuti più tardi: Innocenti invita alla penetrazione Garufo che taglia in area per poi crossare a centro area, dove Rantier si lascia anticipare dall’uscita di Rossini.

Primo cambio dell’incontro all’11’: mister Brucato sostituisce Rantier con Ferraro. Due minuti dopo risponde il tecnico Matrecano che avvicenda Papa con Giacomelli. I falchetti cambiano assetto passando dal 4-4-1-1 al 4-3-3. Al 22′ sono proprio gli ospiti a ritornare in vantaggio con una punizione chirurgica di Coresi. La sfera, calciata a giro dal fantasista biancazzurro, supera la barriera e si insacca nell’angolo alla destra dell’immobile Bremec. Cala il gelo sullo Iacovone. Gli jonici effettuano il secondo cambio al 23′: esce Taulo, entra Pensalfini. I tarantini mancano il pareggio al 26′: nella circostanza il portiere Rossini salva miracolosamente su Ciotola che calcia a pochi passi dalla porta. Ultima sostituzione per i rossoblu al 31′: Russo avvicenda Ciotola. Al medesimo minuto nelle fila dei falchetti esce l’infortunato portiere Rossini sostituito dal suo secondo Zandrini. Ultima sostituzione anche per gli umbri al 38′: Castellazzi prende il posto di Coresi. Il Foligno chiude i conti al 40′ su azione di contropiede: Fondi innesca Sciaudone, il centrocampista entra in area avversaria e offre un assist al bacio per Giacomelli che realizza la rete della sicurezza. La mazzata è tremenda per l’undici di Brucato che non riesce più ad abbozzare alcuna reazione.

A fine partita piovono fischi sui rossoblu e sul proprio allenatore, che rischia il posto (si parla di Davide Dionigi). Gli unici applausi (meritati) vengono riservati ai falchetti che colgono la terza vittoria stagionale fuori dalle mura amiche.

TARANTO(4-2-3-1): Bremec; Antonazzo, Migliaccio, Prosperi, Sabatino; Taulo(23’s.t. Pensalfini), Branzani; Garufo, Rantier (11’s.t. Ferraro), Ciotola (31’s.t. Russo); Innocenti. A disposizione: Barasso, Colombini, Panarelli, Gori. All. Brucato

FOLIGNO(4-4-1-1): Rossini (31’s.t. Zandrini); Iacoponi, Giovannini, Merli Sala, Bassoli; Fondi, Papa (13’s.t. Giacomelli), Sciaudone, Cavagna; Coresi (38’s.t. Castellazzi); Falcinelli. A disposizione: Severini, Menchinella, Fedeli, La Mantia. All. Matrecano

Arbitro: Di Ciommo di Venosa (ass.ti Di Lascio di Salerno-Curatoli di Napoli)
Marcatori: 5′ p.t. Falcinelli (F), 27′ p.t. (rig.) Innocenti (T), 22′ s.t. Coresi (F), 40’s.t. Giacomelli(F)
Ammoniti: Branzani per il Taranto; Merli Sala, Iacoponi, Rossini e Fondi per il Foligno
Angoli: 2-5 per il Foligno.
Spettatori: 3.500

Enrico Losito – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: ci sono voluti 50 anni per il professionismo

“Siamo fatti anche noi della materia di cui sono fatti i sogni: nello spazio e nel tempo di un sogno...

Editoriali4 settimane fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: è una riforma affrettata?

👉🏽 La Divisione Calcio Femminile presieduta da Ludovica Mantovani, con il passaggio al professionismo, ha deciso che la serie A...

Editoriali4 settimane fa

La Serie A Femminile passerà a 10 club: Morace storce il naso

Carolina Morace ha scelto di prendere parte a “Campionesse“, la docuserie di Rakuten Tv disponibile dal 2 dicembre che racconta...

Editoriali2 mesi fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, un calcio che ha bisogno di ‘storie’

Eduardo Galeano è l’autore di uno dei libri più belli mai scritti per spiegare il mondo del pallone. “Splendori e...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi