Connect with us

Pubblicato

il

Per il calcio l’epoca della televisione in chiaro sta definitivamente per tramontare. La Rai ha deciso che non trasmetterà le prossime tre edizioni della Champions League. Gli utenti che pagano il canone dovranno accontentarsi di assistere in chiaro solo gli Europei di calcio del 2012.

Il Consiglio di Amministrazione di Viale Mazzini, riunito per decidere i prossimi investimenti in materia di diritti televisivi sportivi, ha ritenuto eccessivo il costo della principale competizione calcistica europea. Una scelta motivata anche dal fatto, come spiegano in Rai, che il Ranking Uefa penalizzerà il calcio italiano e farà calare da quattro a tre i club tricolori impegnati nella manifestazioni.

Una scelta che mette il calcio italiano sempre più nelle mani delle pay tv. Sky e Mediaset, dopo questa decisione, hanno di fatto campo libero. 

Le televisioni a pagamento, attraverso i pingui diritti televisivi che (al momento) riversano nelle casse delle società di Serie A TIM, ormai sovvenzionano (controllano) club privi allo stato di altri introiti degni di questo nome.

Gli stadi sempre più vuoti riducono ai minimi termini il ticketing. Il merchandising, in stallo da lustri, fa il resto dovendo fare i conti con tifosi da stadio ormai avviati verso la diserzione.

Tutto bene, si fa per dire, se il sistema nonostante tutto riuscisse a tenersi in piedi. Ciò, purtroppo, non corrisponde alla realtà dei fatti. La crisi economica, dopo aver travolto la Lega Pro e lambito la Serie B, sta adesso per aggredire anche i club milionari della Serie A TIM incapaci di mettere un argine a spese cui non corrispondono entrate conformi (Bologna e Roma docent).

Le macerie di un calcio moderno così strutturato, i cui bilanci sono legati a un solo ufficiale pagatore (le pay tv) che finirà per strangolarlo, non potranno avere vita tanto lunga senza ineludibili correttivi. 

Sergio Mutolo – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Calciomercato1 giorno fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni2 giorni fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Editoriali1 mese fa

Stefano Braghin e la missione del calcio femminile in Italia

Il direttore della Juventus Women, Stefano Braghin, ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club...

Opinioni1 mese fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, per nuove prospettive puntare verso nuovi orizzonti

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il 22 agosto 2020. La maggior...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film