Connect with us

Pubblicato

il

C’è stato un tempo in cui la Giustizia sportiva era il fiore all’occhiello della Figc guidata dal presidente Giancarlo Abete: molto più rapida ed efficace di quella ordinaria (affliita da una mezza paralisi).

Da un pezzo le cose sembrano cambiate in peggio. Su Calciopoli 2 il procuratore federale Stefano Palazzi (quanto mai celere nel definire Calciopoli 2006) era partito con un vantaggio enorme rispetto a quella ordinaria che sta tirando le fila a Napoli. Ora invece il procuratore, in scadenza di nomina a giugno 2011, rischia uno storico sorpasso.

Salvo intoppi dell’ultima ora la dottoressa Teresa Casoria, combattivo giudice della IX sezione del tribunale penale di Napoli, può arrivare il 14 dicembre a chiudere la fase dibattimentale del processo penale che coinvolge 24 imputati (oltre a 50 avvocati e una decina di parti civili) prima che la Figc riesca a partorire una risposta degna di questo nome all’esposto presentato dal presidente della Juventus Andrea Agnelli sull’assegnazione dello scudetto del 2006 all’Inter e chiudere l’indagine sul­le 200 telefonate che da aprile costitui­scono (anche in Federcalcio) il corpo della cosiddetta Calciopoli 2. Le trascri­zioni sono le stesse periziate dal tribuna­le di Napoli e coinvolgono pochi tesse­rati. Una lentezza incredibile e insostenibile, a dirla tutta.

Queste vicende – assieme a quella di Premiopoli e al caso Milito-Motta, ancora in una preoccupante fase di stallo – mettono a serio rischio la conferma di Stefano Palazzi nel suo ruolo federale, soprattutto se passerà la riforma dello Statuto che Abete ha affidato alla Commissione del vice-presidente Tavecchio con la nuova divisione tra Procura e Ufficio Indagini. 

So. Gian. – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Calciomercato1 giorno fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni2 giorni fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Editoriali1 mese fa

Stefano Braghin e la missione del calcio femminile in Italia

Il direttore della Juventus Women, Stefano Braghin, ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club...

Opinioni1 mese fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, per nuove prospettive puntare verso nuovi orizzonti

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il 22 agosto 2020. La maggior...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film