Connect with us

Pubblicato

il

Seconda battuta d’arresto consecutiva per la Cavese che cede in casa all’Atletico Roma. Partita condizionata dal gran numero di assenze in casa metelliana, che hanno costretto mister Rossi a variare qualche interprete con risultati non certo entusiasmanti. Dei tre calciatori infortunatisi a Benevento recupera a sorpresa il solo Schetter che va in campo nel tridente con Camillo Ciano e Turienzo (che da il cambio a Bernardo, fermatosi nel riscaldamento); out Michele Ciano, è Bacchiocchi a completare il poker difensivo mentre in mediana l’assenza di Alfano fa rivedere in campo Siano e Di Napoli insieme a Zampa. Nell’Atletico Roma, Incocciati (squalificato, come Rossi) rispolvera Esposito nel tridente con Ciofani e Franchini. In mediana Romondini è affiancato da Franceschini e Chiappara.

Al 7°, capitolini pericolosi con una incursione di Chiappara che centra per Franchini, contrato in extremis da Siano. Il centrocampo aquilotto stenta a contenere e a costruire, in avanti Ciano e Turienzo spesso si pestano i piedi. L’Atletico si dimostra squadra rodata negli undici in campo e al 15° passa: è ancora un cross radente di Chiappara a pescare Ciofani in area; il centravanti in spaccata devia alle spalle di Pane. Al 18°, invece, Padella s’inserisce tra i due centrali ma calcia malamente. Poco dopo la Cavese perde Schetter per il riacutizzarsi del problema muscolare dal quale era stato recuperato forse troppo in fretta. Dentro Sifonetti, ma la musica cambia poco. Gli aquilotti si cercano poco e si trovano ancor meno tra loro, colpa anche di un centrocampo inedito. Al 33°, però, si vede la cosa migliore: lancio di Ciano per Sifonetti che entra in area dal vertice sinistro e va giù dopo un dribbling. Bella azione chiusa però con un giallo per simulazione. La Cavese cresce e si rende pericolosa con Turienzo che calcia fuori da posizione decentrata (37°); poi né l’argentino né Ciano riescono a correggere in rete un cross di Sifonetti.

La Cavese in crescita del finale di frazione si rivede in avvio di ripresa. Al 6°, punizione di Ciano che pesca Turienzo tutto solo, ma il colpo di testa è alto. Al 10° azione convulsa partita da un errore in controllo di Sifonetti lanciato a rete e conclusa con un altro errore in fase di aggancio da parte di Zampa, ben posizionato in area. In altre occasioni gli aquilotti sfiorano il pari. Clamorosa, al 23°, l’incomprensione tra Angeletti e Padella su cui si piomba Ciano che, appena dentro l’area, calcia alto in volée col destro. Poco dopo, il raddoppio capitolino: tiro di Romondini deviato, Ciofani si trova la palla tra i piedi in area e con un delizioso pallonetto scavalca Pane e fa 2 a 0. La Cavese non demorde e sfiora ancora il gol,sempre con Ciano che da ottima posizione manda fuori di testa una punizione di Sifonetti. Nel finale le squadre si allungano e la Cavese, a cambi terminati, perde anche Sifonetti, poco prima dell’espulsione di Bacchiocchi per un intervento scorretto a gioco fermo su Barrionuevo.

La gara finisce 2 a 0 in favore di un Atletico Roma bravo a sfruttare la propria qualità in avanti quando è servito e solido in fase di contenimento. Vittoria da squadra sorniona che permette ai capitolini di riprendere il cammino in classifica, grazie alla sesta vittoria esterna. Amaro in bocca, invece, per una Cavese consapevole del peso che hanno avuto le assenze ma che ancora una volta ha dato filo da torcere a una “grande” di questo campionato. Troppo azzardato schierare Schetter dal primo minuto col rischio di perderlo per le prossime gare. Ora non resta che attendere buone nuove dall’infermeria.

CAVESE (4-3-3): Pane; Bacchiocchi, Cipriani, Troise, Sirignano; Siano (dal 1°st Lagnena), Di Napoli (dal 33°st Santaniello), Zampa; Schetter (dal 19°pt Sifonetti), Turienzo, C.Ciano. A disp. Botticella, D’Orsi, Quadrini, Citro. All. Cristoforo Barbato
ATLETICO ROMA (4-3-3): Ambrosi; Balzano, Doudou, Padella, Angeletti; Chiappara (dal 14°st Barrionuevo), Romondini, Franceschini (dal 31°st Miglietta); Esposito, Ciofani, Franchini (dal 19°st Babù). A disp. Previti, Pelagias, Chiaretti, Caputo. All. Giuseppino Argentesi.
Arbitro: Marco Viti (Campobasso); ass.ti: Amati e Morelli.
Marcatori: 14°pt e 26°st Ciofani;
Ammoniti: Cipriani e Sifonetti (C), Balzano, Angeletti e Chiappara (AR)
Espulso: 39°st Bacchioccchi (C), rosso diretto per gioco scorretto.
Note: Angoli 5-6, recupero 1’ e 3’, spettatori 2’000 ca.

SALA STAMPA

Cristoforo Barbato (all. in seconda Cavese): «Nel primo tempo siamo stati troppo precipitosi, cercando di metterla solo sul piano agonistico, senza ragionare. In settimana avevamo impostato una gara di possesso palla e cambi di gioco, che loro soffrono molto e quando ci siamo riusciti siamo stati pericolosi. Nella ripresa ci hanno condizionato i cambi forzati anche stavolta, ma li abbiamo chiusi lì, pur con scarsa lucidità, sfiorando il pareggio. Schetter? Per pretattica non l’abbiamo inserito tra i convocati ma il suo impiego era stato deciso già mercoledì, in concerto con lui e lo staff sanitario. Abbiamo fatto un errore, anche se a posteriori è più facile valutare le cose».

Giuseppino Argentesi (all. in seconda Atl. Roma): «Partita non semplice che abbiamo interpretato bene soprattutto nel primo tempo. Nella ripresa abbiamo tenuto bene il campo e siamo riusciti a raddoppiare, poi la gara è stata in discesa. Volevamo mettere da parte la sconfitta di mercoledì e siamo stati bravi. Abbiamo la fortuna di avere ricambi importanti, così da far rifiatare qualcuno. Lotteremo gara dopo gara fino alla fine, e ce la possiamo giocare. Siamo in tre a dettare i ritmi al campionato ma non c’è ancora una favorita».

Daniel Ciofani (Atl. Roma): «Sfido chiunque a far punti qui contro questa squadra. Anche gli episodi ci sono andati a favore, se Ciano la mette dentro di testa forse parleremmo di una partita diversa. Non segnavo da tre partite, e quegli errori sono stati decisivi per la squadra; oggi, invece, per bravura o fortuna ho fatto meglio e soprattutto il secondo gol è stato importantissimo, perché la Cavese dava impressione di poter recuperare la partita. Duello con Ciano? Ero curioso di vederlo. È un calciatore che può risolvere le partite da solo, rispetto a me che ho bisogno della squadra. Fortunatamente ho una squadra forte alle spalle e riesco a far gol». 

Davide Lamberti www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film