Connect with us

Pubblicato

il

Sinergie di quartiere per una sfera di cuoio conducono alla  fondazione del Siracusa Calcio (nalla foto, lo stadio). Siamo nel 1924 in piena epoca fascista: il neonato club siciliano non sfugge al regime e bagna il suo esordio assoluto con una divisa completamente nera come il risultato della partita: 6-1 in favore degli antagonisti della Centurion, team composto da marinai inglesi. Il primo decennio è infarcito di delusioni: due promozioni in B sfiorare (1932-33 e 33-34) e doloroso fallimento nel ’35. Le soddisfazioni, comunque, giungono nel dopoguerra, precisamente nel 1946, allorquando la squadra consegue la prima storica promozione in cadetteria, seppure conquistata a tavolino. E’ l’inizio di un  quinquennio ricco di soddisfazioni e di una militanza stabile nella seconda serie nazionale, partecipazione impreziosita dal 5° posto finale raggiunto nella stagione 1946-47. La bruciante retrocessione si materializza alla fine del torneo 1952-53. Un stagione spartiacque, perchè gli azzurri non riusciranno più a raggiungere la B, malgrado la presenza di nomi altisonanti come il tecnico Čestmír Vycpálek che siede sulla panchina siracusana nel 1959-60.

Gli anni sessanta, invece, sono segnati dalla costante militanza in terza serie. L’amaro, però, è in fondo al calice, perchè nel 1968 la squadra retrocede in serie D. La risalita, comunque, è abbastanza repentina: serve, infatti, soltanto un biennio per rientrare tra i professionisti. Il merito è di una fausta monetina che permette al Siracusa di avere la meglio sui Cantieri Navali Palermo nello spareggio promozione. Seguono ben venticinque anni spesi tra C1 e C2 con qualche cambio di denominazione. L’orologio del tempo si ferma in un’annata paradossale: stagione 1994-95. I siciliani si piazzano al quinto posto della regular session e disputano gli spareggi play off contro l’Avellino. Sono gli irpini a prevalere cancellando i sogni dei tifosi azzurri. Il peggio è  conseguenziale: il club è stretto dalla morsa dei debiti e fallisce. La successiva radiazione certifica il disastro.

Si riparte con una nuova società denominata U.S. Siracusa Marcozzi  che viene iscritta al campionato di Promozione. Serviranno quasi tre lustri per riportare il calcio professionistico nella città siciliana, precisamente nell’annata 2008-09 coronata dalla vittoria del torneo di serie D. Il ripescaggio in Prima Divisione della scorsa stagione completa l’opera di rilancio del club. L’inizio dell’attuale torneo, però, è scioccante. L’undici guidato da Giuseppe Romano non riesce a trovare la giusta quadratura, ovviamente la classifica è una cartina di tornasole impietosa: zero punti nelle prime cinque gara. Per questo la società decide di esonerare il tecnico, che paga lo scotto dell’esordio in terza serie, e si affida alle mani esperte di Giudo Ugolotti.

Il trainer toscano ridisegna l’assetto tattico utilizzando il 4-2-3-1, modulo più consono alla caratteristiche degli uomini a disposizione. Vengono rivitalizzati i difensori Ignoffo e Lucenti, il centrocampista Spinelli e il centravanti Cosa, tutti elementi di provata esperienza. Al loro fianco crescono le prestazioni di elementi talentuosi come Mancosu, reduce dal torneo in cadetteria con l’Empoli, e Nicola Mancino (ex Foggia). In buona sostanza Ugolotti rappresenta la cura giusta per un organico dalle qualità ancora inesplorate. Del resto i risultati del nuovo mister parlano chiaro: 18 punti (5 vittorie, 3 pareggi, 1 sconfitta) conquistati in 9 gare. Al momento gli aretusei sono a ridosso della zona play off, distante soltanto due punti. Trovata la cura è lecito sognare. 

Enrico Losito www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali2 settimane fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali4 settimane fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 mesi fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato2 mesi fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni2 mesi fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato diffuso a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi