Connect with us

Pubblicato

il

Mario Macalli (nella foto), presidente della Lega Pro di Firenze, in una intervista rilasciata al quotidiano “La Città”, si dichiara molto preoccupato per la situazione generale della categoria che dirige. Senza tanti peli sulla lingua, come suo solito, ammonisce: “Se ricominciasse adesso il campionato, la metà delle squadre di Prima e Seconda Divisione avrebbe serie difficoltà ad iscriversi”.

Il massimo dirigente della terza e quarta serie nazionale, al termine della due giorni di Consiglio Federale presieduta da Giancarlo Abete, si fa promotore di una robusta cura dimagrante del calcio professionistico italiano. Una riduzione del format che dovrebbe interessare tutti i campionati, ma è imprescindibile per quelli che lui presiede.

“La situazione è critica anche per le società che sono rinate dopo un fallimento perché adesso pure quelle ‘nuove’, che hanno preso nuova denominazione e sono ripartite da un’altra categoria, potrebbero rischiare di fallire”, spiega amareggiato Macalli.

Per questa ragione, come si apprende dalla medesima fonte, ha sollecitato la Covisoc a controlli stringenti. Le nuove norme federali hanno già reso trimestrali le verifiche sui bilanci affidate all’ente di controllo e si attendono deferimenti (con relative penalizzazioni) a pioggia.

A Macalli, però, questo sembra non bastare. Il numero uno della Lega di Firenze avrebbe chiesto infatti alla Commissione di vigilanza sui bilanci delle società controlli molto più rigorosi.

I controlli saranno a tappeto, spiega ancora Macalli a ‘La Città’: “Dopo che hanno controllato, devono ritornare nelle sedi delle società, magari 10 giorni dopo. Devono andare a fondo, devono verificare ad intervalli di tempo meno distanziati di prima, devono controllare la regolarità della documentazione che è stata esibita”.

“C’è una regola sola da rispettare: per fare calcio bisogna avere i mezzi finanziari”, chiosa Macalli e non si può che essere d’accordo con lui.

Il blocco dei ripescaggi, allo stato delle cose, è ineludibile. Macalli ha cjesto e ottenuto da Abete che il tema sia messo all’ordine del giorno del prossimo Consiglio Federale, in programma il 21 dicembre. L’obiettivo, in Lega Pro è di rivedere il format per “passare al massimo in tre anni da 90 a 60 squadre divise in tre gironi per una categoria unica”.  

Redazioneweb – www.calciopress.net    

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Opinioni1 giorno fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Calciomercato3 settimane fa

Il talento di Sofia Cantore: è una predestinata, parola di Carobbi

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Editoriali1 mese fa

Stefano Braghin e la missione del calcio femminile in Italia

Il direttore della Juventus Women, Stefano Braghin, ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club...

Opinioni1 mese fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, per nuove prospettive puntare verso nuovi orizzonti

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il 22 agosto 2020. La maggior...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film