Connect with us

Pubblicato

il

A nulla è valsa la mediazione del presidente della Figc, Giancarlo Abete. La temuta rottura delle trattative tra Aic e Lega Serie A è un dato di fatto.

Il Vicepresidente dell’Assocalciatori, Leonardo Grosso, aveva già confermato all’uscita della riunione lo sciopero per le partite in programma l’11 e il 12 dicembre: “Siamo vincolati alla decisione del Direttivo dell’AIC, che era quella di scioperare nella sedicesima giornata se non si fosse trovato l’accordo”.

“Abbiamo ribadito la nostra disponibilità su sei punti – ha precisato Grosso -, ma non siamo disposti ad accettare il settimo punto sui fuori rosa, tra poco il Presidente Campana farà un comunicato per ufficializzare la decisione”.

Anche il difensore del Milan Massimo Oddo ha commentato a caldo la notizia: “Sono un calciatore e mi associo ai miei compagni. Siamo pronti a fermare il campionato. Se l’associazione italiana calciatori ha dichiarato lo sciopero vuol dire che questa volta sarà inevitabile visto che c’è stato già un primo appello a cui non è stata data risposta”.

La conferma dello sciopero nella 16a giornata del campionato di serie A TIM arriva dal comunicato ufficiale comparso sul sito dell’Aic presieduta dall’avvocato Sergio Campana (nella foto). Ne riportiamo il testo integrale.

“L’Associazione Italiana Calciatori, preso atto dell’impossibilità di addivenire con la Lega di Serie A ad un’intesa sul rinnovo dell’Accordo Collettivo, conferma che i calciatori non scenderanno in campo alla 16ª giornata di campionato della massima serie, fissata l’11 e 12 dicembre prossimi.L’azione di protesta nasce dal rifiuto della Lega di accettare l’impostazione dell’Aic, più volte ribadita, che assicurava la piena disponibilità a discutere su 6 degli 8 punti indicati dalla Lega, con esclusione dei 2 punti riguardanti gli allenamenti separati e il trasferimento coatto”.

Sa. Mig. – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali1 settimana fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato3 settimane fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni4 settimane fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Opinioni2 mesi fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, per nuove prospettive puntare verso nuovi orizzonti

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il 22 agosto 2020. La maggior...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film