Connect with us

Pubblicato

il

In un turno che andrà completandosi solo in un secondo tempo visto il rinvio per impraticabilità del campo dell’incontro tra Ravenna e Spal e la sospensione dopo appena pochi minuti dall’inizio del big-match di giornata tra Gubbio e Sorrento, si registrano appena due vittorie interne, nessuna esterna e ben quattro sfide terminate con un ics in schedina, tre delle quali al novantesimo sono terminate con il risultato di partenza, complice il maltempo che ha spazzato la penisola nelle ultime quarantotto ore.

Il balzo in classifica più importante lo fa lo Spezia che, nonostante l’inferiorità dopo venti minuti per il rosso comminato a Colombo (pareggiato alla fine della prima frazione con quello decretato a Tortori), batte la Paganese (sempre più desolatamente sola in fondo alla classifica) di misura grazie ad una rete siglata dall’ottimo Casoli dopo una prestazione dirompente delle bocche da fuoco liguri con un Vannucchi formato gigante: per i bianconeri, in attesa dei due recuperi, operazione quinto posto riuscita alla perfezione.

Pareggio nel derby tra Cremonese e Pergocrema sotto un fitto nevischio: succede tutto nella prima frazione. Avanti i grigiorossi di Acori con Zanchetta che trova la via della rete sulla ribattuta del calcio di rigore che l’ottimo Russo gli aveva appena respinto, gli uomini di Maurizi trovano il gol del pari con Basile poco dopo la metà del primo tempo.

Neve che non ha risparmiato nemmeno il “Druso” di Bolzano: il Sudtirol, su di un campo ai limiti della praticabilità, strappa un preziosissimo pareggio interno contro il Lumezzane affamato di punti per muovere la classifica e non perdere ancora terreno dalle posizioni che contano.

A reti bianche anche la sfida del “Moccagatta” tra l’Alessandria e il Monza con mister Verdelli al suo esordio in panchina: cominciata con oltre quaranticinque minuti di ritardo per permettere agli addetti di ripulire il terreno di gioco dalla coltre nevosa, la sfida non ha offerto grosse emozioni e alla fine il risultato di parità è sembrato a tutti quello più giusto.

Neanche l’Hellas Verona di Mandorlini è riuscito a portare a casa i primi tre punti della sua gestione: al “Bentegodi” il Pavia costruisce lo stesso bunker che gli era riuscito a Sorrento e trova un preziosissimo risultato positivo che non gli basta comunque per tirarsi fuori dalle acque torbide della zona play-out.

Grandissima la vittoria del Como: un gol di Morandi a quindici minuti dalla fine, consente ai lariani di portare a casa l’intera posta contro la più quotata Salernitana che paga il rosso a Pestrin. Avanti i campani con il primo gol stagionale di Carrus su calcio di punizione magistrale dopo diciassette minuti, dopo tre minuti è Gomes che incorna un calcio d’angolo di Riva. Prima del 2 a 1 finale che, come detto, da ossigeno alla classifica dei lombardi. Per la Salernitana, il mal di trasferta continua.

Nel posticipo del “Giglio” infine, vittoria importantissima del Bassano contro la Reggiana: decide Guariniello nel primo tempo e i veneti si portano in un tranquillo metà classifica. 

Diego Stocchi Carnevali www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali2 settimane fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali4 settimane fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 mesi fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato2 mesi fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni2 mesi fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato diffuso a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi