Connect with us

Pubblicato

il

Come prevedibile, Juventus e Sampdoria sono state buttate fuori dai rispettivi gruppi di Europa League. Analogo destino potrebbe toccare già da stasera alle altre due italiane in lizza, Napoli e Palermo. I partenopei di Mazzarri e i rosanero di Delio Rossi hanno racimolato finora  tre miseri punticini. Non vedono l’ora di farla finita con una Coppa ingombrante e così poco lucrosa, ai tempi precari del calcio business.

I bianconeri hanno ceduto il passo in un girone che, sulla carta, era di burro. Tra le avversarie spiccava a mala pena l’ondivago Manchester City di Roberto Mancini. La squadra di Delneri è stata capace di farsi eliminare dai polacchi del Lech Poznan e dagli austriaci del Salisburgo. Una bella impresa davvero.

La Sampdoria, dopo essere stata eliminata al primo turno in Champions League per mano del mediocre Werder Brema, ha saputo fare ancora peggio. Gli avversari erano gli ucraini del Metalist, gli ungheresi del Debrecen e gli olandesi del PSV Eindhoven. La sconfitta subita al Ferraris mette lo stop alla estemporanea avventura europea del club blucerchiato.

Un’analisi pietosa porterebbe a concludere che i club italiani siano stati fatti fuori da piccoli club della provincia europea. Una situazione in qualche modo contingente e, dunque, rimediabile. La realtà dei fatti conduce viceversa a un’analisi assai più impietosa. Siamo noi italiani, a questo punto, la piccola provincia europea.

Il nostro disastrato calcio – confinato in un limbo dove ucraini, bielorussi, polacchi, austriaci, svizzeri, ungheresi (e chi più ne ha più ne metta) ci fanno mangiare la polvere – incassa senza colpo ferire l’ennesima disfatta a livello internazionale.

Il Ranking Uefa condanna l’Italia alla perdita definitiva del terzo posto nella classifica per coefficienti. A partire dalla stagione 2012-2013 dovremo rinunciare alla quarta squadra in Champions League. Il campionato di Serie A si avvia a diventare di una noia mortale e di una mediocrità tecnica paurosa. Ci vorranno lustri per rialzare la testa.

L’Italia pallonara alla deriva ha perso anche il gusto del gioco e della vittoria. Sostiene Trapattoni che soltanto vincere insegna a vincere. Quando il calcio decide di emarginare i tifosi in nome del dio danaro, si condanna da solo alle sconfitte e all’oblio.

Sergio Mutolo –  www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali1 settimana fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato3 settimane fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni3 settimane fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Opinioni2 mesi fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, per nuove prospettive puntare verso nuovi orizzonti

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il 22 agosto 2020. La maggior...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film