Connect with us

Pubblicato

il

Si è giocato ieri sera il primo gruppo di partite della sesta giornata della fase a gironi di Champions League. L’Inter ha perso 3-0 in casa del Werder Brema, anche se passa il turno piazzandosi seconda alle spalle del Tottenham nel suo raggruppamento. Stasera è la volta di Milan e Roma a scendere in campo, per il secondo gruppo di partite della sesta giornata.

In virtù dell’inatteso tracollo cui è andato incontro il club nerazzurro di Benitez e Moratti, il coefficiente Uefa  si mette sempre peggio per i club della Serie A TIM.

Questa la classifica complessiva delle prime cinque posizioni calcolata sulla base dei risultati ottenuti nel periodo di riferimento (quinquennio 2006/07-2010/11):

1. Inghilterra 79.070 (6/7 squadre)
2. Spagna 74.472 (7/7 squadre)
3. Germania 65.103 (6/6 squadre)
4. Italia 57.552 (7/7 squadre)
5. Francia 51.011 (5/6)

Questa invece  la graduatoria del Ranking Uefa calcolata sulla base dei risultati conseguiti nella corrente stagione 2010/11:

1. Inghilterra 11.642 (6/7)
2. Germania 11.333 (6/6)
3. Spagna 10.357 (7/7)
4. Italia 8.571 (7/7)
5. Francia 8.083 (5/6)

Per l’Italia riconquistare il terzo posto, perso al termine della scorsa stagione, diventa ormai una missione impossibile. Il differenziale globale a vantaggio della Germania, al momento, è di +7.551. Quello della stagione in corso si è attestato a +2.762

I pessimi risultati ottenuti finora dai club di Serie A TIM iscritti alla Champions League e alla Europa League non sembrano lasciare spazio a reali speranze di recupero. Tre squadre (Juventus, Sampdoria e Palermo) sono già fuori dalla competizione. Intanto i club della Bundesliga volano e il differenziale a loro favore parla chiaro.

La perdita della quarta squadra in Champions, a partire dal 2012-13, più che un rischio sembra ormai un dato di fatto. Le ricadute sotto il profilo dei contenuti tecnici del campionato (già attualmente ai minimi termini) e sotto quello economico (Champions League, una gallina dalle uova d’oro) saranno più devastanti di quanto si possa immaginare.

Ste. Mu. – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali3 giorni fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 settimane fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato4 settimane fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni1 mese fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Opinioni2 mesi fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi