Connect with us

Pubblicato

il

Si attendono urgenti chiarimenti dal ministro dell’Interno Roberto Maroni, dall’Osservatorio del Viminale, dal Casms, dalle Questure, dalle Prefetture e dal variopinto universo di istituzioni cui fa capo la gestione della sicurezza all’interno degli stadi italiani.

Soprattutto si chiede di capire, una volta per tutte, come funzioni davvero quel mostriciattolo burocratico che risponde al nome di Tessera del tifoso. Alla fine del 2010 nessuno ancora ha spiegato i meccanismi che sottendono alla diabolica card che sta contribuendo a svuotare gli stadi italiani. Né, tanto meno, si vuole ammetterne il flop ormai palese.

Il fatto è che in Italia, versante calcistico e non solo, si vedono accadere cose incredibili. Quasi al limite dello stupefacente (o del ridicolo, a seconda dei punti di vista).

Nelle settimane scorse si è deciso di limitare l’accesso a partite tra squadre le cui tifoserie sono vincolate da rapporti di fratellanza. Si è consentito, ancora, che in nome della Tessera si consumassero pericolose confluenze tra tifoserie opposte. Poi all’improvviso, come d’incanto, cancelli e tornelli si spalancano per una gara ad alto tasso di pericolosità sotto il profilo dell’ordine pubblico.

Ebbene si, i tifosi della Roma potranno liberamente seguire la squadra giallorossa a San Siro. L’incontro tra Milan e Roma non prevede alcun tipo di restrizione e, udite udite, i biglietti potranno essere acquistati anche da chi non è in possesso della Tessera del tifoso.

Una decisione cervellotica, che innesca una lunga serie di riflessioni sulla gestione dell’ordine pubblico all’interno degli stadi italiani e sulla effettiva utilità di mantenere in vita la (mai ben accetta) Tessera del tifoso.

Alla luce delle determinazioni assunte per Milan-Roma, come si possono oggi giustificare le inutili e drastiche limitazioni che hanno riguardato partite come Milan-Brescia, Parma-Sampdoria e Lazio-Inter le cui tifoserie sono storicamente gemellate?

Questa è la domanda.

 Tessera del tifoso, il lato oscuro del calcio 

Sergio Mutolowww.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali4 settimane fa

Serie A Femminile, occorre ossigeno: in campo la ‘meglio gioventù’

✅ Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile rende ineludibile il potenziamento dei settori giovanili 👉🏾 “Serie A Femminile  e...

Opinioni1 mese fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali1 mese fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: è una riforma affrettata?

👉🏽 La Divisione Calcio Femminile presieduta da Ludovica Mantovani, con il passaggio al professionismo, ha deciso che la serie A...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile e professionismo, serve subito un progetto: se non ora, quando?

Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile comporta l’entrata in un sistema calcio ormai alla canna del gas. Per...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile e professionismo: sarà il migliore di tutti i tempi?

L’incipit di 👉🏾 “A tale of two cities” offre un’idea suggestiva della dicotomia all’interno della quale continua a muoversi il...

Editoriali2 mesi fa

Il calcio va in tilt: la Serie A Femminile e nuovi modelli di professionismo

La Serie A Femminile, con il passaggio al professionismo, si appresta a entrare in un sistema ormai alla canna del...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi