Connect with us

Pubblicato

il

Si dice che quest’anno il campionato sia mediocre. Non è mai stato così vero. I quotidiani sportivi e le irritanti pay tv cercano di costruirci intorno un interesse vacuo e illusorio, che nei fatti non c’è.

Il calcio va stancamente alla deriva. Gli stadi si svuotano. La gente si è trovata qualcosa di meglio da fare. I tifosi, ultimo baluardo, sono soggetti a divieti che renderebbero la vita impossibile anche a un santo.

In questo contesto mefitico la Fiorentina sta facendo (più o meno malamente) la sua parte. Dopo l’ennesima sconfitta esterna a Udine galleggia a quota diciannove, appaiata al Bologna precario di questi tempi.

La Viola è ormai molto più prossima alla zona play out che ai play off. Il Franchi offre, nelle gare interne, uno spettacolo desolante. La curva Ferrovia vuota e la Fiesole con i suoi ampi squarci liberi (nella foto: i “non tesserati” del parterre), stringono il cuore.

Anche gli abbonati hanno smesso di seguire le partite dal vivo, nauseati dal calcio spezzatino propinato dalle pay tv. Preferiscono restarsene a casa. Lo dimostrano le presenze effettive, sempre inferiori alla somma artitmetica tra paganti e abbonati.

La dirigenza continua a rimanere piuttosto lontana e distratta. Salvo farsi viva di tanto in tanto per rinfocolare le polemiche con la classe politica della città e con i poteri forti di Firenze, rappresentati dai cosiddetti rosiconi.

Di fatto, da un anno abbondante, il club viola è senza un presidente. Andrea Della Valle dà il massimo, ci mancherebbe altro. Fare il presidente è però, secondo noi, tutta un’altra cosa. Anche, e soprattutto, nel senso di una precisa assunzione di responsabilità. 

I conti della società sono in ordine. Di questo va dato atto ai fratelli Andrea e Diego Della Valle, in un momento di grande precarietà per il calcio italiano. Vincere la sfida sul piano dei bilanci è un evento ragguardevole di questi tempi. La Fiorentina è gia in linea con i criteri del fair play finanziario propugnato dalla Uefa di Michel Platini. Un titolo di merito indiscusso.

Cionondimeno la Viola appare sfiorita e appassita, come da tempo non era. Un fiore rinsecchito, anche se esposto su un balcone per il resto lindo e ordinato quanto mai.

Tutto questo può bastare, per uno sport come il calcio che si fonda sulla passione e il cui traino sono i sentimenti dei tifosi?

Sergio Mutolowww.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Opinioni1 giorno fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Calciomercato3 settimane fa

Il talento di Sofia Cantore: è una predestinata, parola di Carobbi

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Editoriali1 mese fa

Stefano Braghin e la missione del calcio femminile in Italia

Il direttore della Juventus Women, Stefano Braghin, ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club...

Opinioni1 mese fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, per nuove prospettive puntare verso nuovi orizzonti

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il 22 agosto 2020. La maggior...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film