Connect with us

Pubblicato

il

Si chiamano “I Primidellastrada” e come tali non potevano che annoverare tra le propria fila un giocatore, che primo della classe lo è stato per molto tempo.  Riccardo Zampagna, una passione morbosa per la città di Terni, ha detto si ad un progetto che, a naso, sa molto di buono. Lasciato il calcio professionistico, dove ancora molti lo vorrebbero vedere, l’attaccante umbro, autore di mille stagioni con le maglie, tra le altre, di Ternana, Cosenza, Siena ed Atalanta, giocherà con la squadra amatoriale nel campionato Uisp, appunto con la maglia dei Primidellastrada.

Una squadra formata da tifosi, o forse sarebbe meglio chiamarli tifosi disincantati, da un calcio che non sentono proprio e che non amano più, al punto di abbandonare le tribune del Liberati per divertirsi con un tipo di calcio molto più genuino e libero da divieti, tessere e tornelli. Il calcio di una volta, quello giocato nei campi di periferia, fatto di polvere e sorrisi, colpi e abbracci. Insomma, il vero calcio, quello che fa sognare anche chi ormai di sogni (calcisticamente parlando) non ne ha più.

Riccardo Zampagna ha sposato in toto questa iniziativa, spiegando che gli è molto piaciuto l’obiettivo, ovvero quello di ribellarsi di certi meccanismi proposti dal calcio definito moderno. Ma non sarà il solo nome illustre a partecipare all’iniziativa dei Primidellastrada. Un altro ex rossoverde ha sposato il progetto. Si tratta di Marco Schenardi, che da sabato prossimo si aggregherà alla squadra.

Noi di Calciopress facciamo i migliori auguri, a questa iniziativa sociale, che potrebbe diventare un punto di inizio e di esempio per altre realtà, in cerca di un calcio migliore. Certo, la presenza di campioni del calibro di Zampagna fanno da giusto eco all’ottima iniziativa intrapresa, ma se in altri luoghi non ci fossero a disposizione nomi così altisonanti, pazienza, quel che conta è il fine. E quello è ugualmente azzeccato, con o senza i big.

Stefano Cordeschi – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali1 settimana fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato3 settimane fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni4 settimane fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Opinioni2 mesi fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, per nuove prospettive puntare verso nuovi orizzonti

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il 22 agosto 2020. La maggior...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film