Connect with us

Pubblicato

il

Mentre la merchant bank Intermedia di Giovanni Consorte prosegue nell’operazione di salvataggio del Bologna, la crisi sembra aver imboccato una fase di stallo. Nuovi soci sarebbero pronti a dare man forte a Massimo Zanetti, il patron della Segafredo disposto a rilevare la società. Va avanti anche l’opera di coinvolgimento della città a tutela delle maglie rossoblù. Tuttavia si avvicina la scadenza di fine dicembre, data limite per procedere alla ricapitalizzazione senza la quale ci sarà il fallimento.

Nel bel mezzo di questo attivismo non sembra venir meno la resistenza di Sergio Porcedda, attuale detentore dell’80% delle quote del club felsineo. Il CdA che avrebbe dovuto segnare il momento della svolta è saltato: Porcedda ha fatto sapere che slitterà al 23 dicembre. Nel frattempo il presidente è stato nuovamente deferito dalla Procura Federale, con l’ad Silvino Marras, alla Commissione Disciplinare Nazionale. E’ il preludio a una nuova penalizzazione in classifica.

Claudio Sabatini, patron della Virtus, si è recato nuovamente in Comune. Pur non essendo stato ricevuto dal commissario Anna Maria Cancellieri, ha voluto comunque informare la sua segreteria degli ultimi sviluppi e dell’assenza del presidente al CdA.

Si ha inoltre notizia che Valter Giovannini, procuratore aggiunto di Bologna, è intenzionato ad aprire un fascicolo contro ignoti per la bara posta venerdì sera all’ingresso del Centro Tecnico di Casteldebole dove si allena il Bologna (nella foto). Una bara con una scritta offensiva indirizzata alla dirigenza rossoblù, da Porcedda alla famiglia Menarini.

Nel pomeriggio di ieri un centinaio di tifosi ha fatto irruzione sui campi d’allenamento, intonando cori di incoraggiamento alla squadra e piantando una testa di porco nella cancellata che delimita i campi.

Resta da segnalare che la cordata di Consorte, dopo aver chiesto ai giocatori di autotassarsi, ha preso contatti con esponenti della curva affinché anche gli ultras sostenessero l’azione e organizzassero una sorta di colletta. Risposta negativa, come del resto quella dei giocatori.

So. Gian. – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali3 giorni fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 settimane fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato4 settimane fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni1 mese fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Opinioni2 mesi fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi