Connect with us

Pubblicato

il

L’Europa non attraversa un momento felice. La crisi economica globale ha fatto scoppiare molte bolle, creando problemi a interi comparti. Il rischio default ha lambito anche sistemi-paese (Grecia e Irlanda docent), mentre si prepara ad aggredirne altri (Spagna e Portogallo). 

Paradossalmente l”Italia è stata meno toccata a causa della sua arretratezza. Il Belpaese era rimasto attardato rispetto ai modelli finanziari perversi di molti altri stati dell’Unione. Una tendenza al conservatorismo che ci ha in qualche modo protetti. 

Il calcio finora è rimasto fuori, salvo qualche caso sporadico che non ha forse suscitato il dovuto allarme (Royal Mouscron in Belgio e Portsmouth in Inghilterra). A parte la virtuosa Germania ( in tutti i sensi locomotiva d’Europa), dove la Bundesliga viaggia con il vento in poppa e i conti in ordine, da tutto il resto del Vecchio Continente arrivano pericolosi segnali di fumo. A breve termine le follie finanziarie della Premier League inglese e della Liga spagnola presenteranno il conto.

In particolare sembra molto grave la situazione del calcio iberico. Quando a giugno Joan Laporta ha lasciato la presidenza del Barcellona a Sandro Rosell, il quadro debitorio del club catalano era pesantissimo (il deficit di bilancio ammontava a 442 milioni di euro). A luglio il Barça (nella foto, il Nou Camp) è ricorso a un prestito bancario di 150 milioni di euro per riuscire a pagare gli stipendi (esattamente quanto accaduto al Bologna in serie A Tim).  

Poi è caduto anche l’ultimo diaframma. La società blaugrana ha deciso di avere uno sponsor sulle maglie, quando solo l’Unicef aveva potuto fin qui  usufruire gratuitamente di questo beneficio. Il contratto con la Quatar Fondation è da record (30 milioni di euro l’anno per cinque anni). Il fatto è che questa cifra-monstre basterà a malapena a pagare gli stipendi di Messi e Villa.

In questo contesto il modello (?) italiano sembra addirittura virtuoso. La Serie A Tim appare una categoria quasi oculata e in linea con i parametri del fair play finanziario della Uefa di Platini. Quando in Europa la bolla calcio (inevitabilmente) imploderà potrebbe dunque accadere che trascinerà nella rovina i folli sistemi messi in piedi da Inghilterra e Spagna, risparmiando nonostante tutte le sue magagne l’arretrato pianeta Italia. Esattamente come è accaduto a livello bancario.

Sergio Mutolo – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali1 settimana fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato3 settimane fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni4 settimane fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Opinioni2 mesi fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, per nuove prospettive puntare verso nuovi orizzonti

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il 22 agosto 2020. La maggior...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film