Connect with us

Pubblicato

il

Manca una manciata di giorni all’apertura della sessione invernale del calciomercato, ma è già tempo di un primo bilancio in casa rossoblu. Acclarati gli ingaggi (in attesa della certificazione contrattuale) degli attaccanti Guazzo, giunto dal Melfi, e Chiaretti dall’Andria,  il club rossoblu dovrà pensare ad alleggerire una rosa gravida di oltre trenta elementi.

Tentazioni cadette. Tre pilastri incedibili, almeno nelle dichiarazioni ufficiali del club di via Martellotta: Bremec, Antonazzo e Innocenti. Tre calciatori di valore indiscutibile, ma tentati dalle sirene della cadetteria. Andiamo per ordine. Il portiere spagnolo, malgrado il rinnovo del contratto, abbandonerebbe Taranto per un’offerta proveniente dalla categoria superiore. Chiudere la carriera in serie B resta un sogno realizzabile, sopratutto se gli ammiccamenti passati con Cagliari e Grosseto tornassero di moda. Diverso il discorso legato ad Antonazzo: il cuore tarantino del calciatore avrebbe esorcizzato le lusinghe senesi. Più complicato il capitolo Innocenti. Il “cobra” di Alfonsine è corteggiato da un paio di squadre di B (una sarebbe il Grosseto) e da mezza dozzina di compagini di terza serie. Un punto giocherebbe a sfavore degli jonici: l’attaccante è in scadenza di contratto (giugno 2011). 

Asse Taranto-Verona. Un fronte si potrebbe riaprire tra le due società, dopo gli affari conclusi la scorsa estate con Rantier e Ciotola passati agli jonici. In ogni caso i presunti sondaggi effettuati dai rossoblu nei confronti di Esposito e Mancini non avrebbero trovato terreno fertile, in quanto per entrambi il diesse scaligero Gibellini avrebbe posto il suo veto. Discorso chiuso? Apparentemente si. C’è, però, uno spiraglio, perchè ai gialloblu interessa il bomber Innocenti, per questo i giochi, anzi la trattativa, potrebbe riaprirsi, magari coinvolgendo altri elementi attualmente in forza ai veronesi. Ad ogni buon conto la priorità stringente dell’Hellas resta una punta esterna in grado di completare il tridente d’attacco. 

La via adriatica. La dirigenza jonica guarda con interesse al Pescara. Alcuni nomi circolati negli scorsi giorni, però, paiono già bruciati, in particolare quello del richiestissimo Ganci, sul quale si sarebbe fiondato lo Spezia. Problematico anche giungere al difensore Aquilanti, attualmente in prestito al Lanciano. Il calciatore è appetito da numerosi club di Lega Pro, ma potrebbe comunque finire la stagione con la maglia dei frentani.  Fattibile, invece, la trattativa per il centrocampista Zappacosta.

Sfoltimento necessario. Troppi elementi in organico. Per questo è propedeutico un taglio netto che dovrebbe coinvolgere una decina di elementi. Tra i papabili all’addio ci sono il finlandese Taulo (finirà in Svizzera al Bellinzona), lo svedese Berg, Cotroneo, Rizzi, Crovetto, Ferraro, Barasso e Ciotola. Quest’ultimo è in prestito dal Verona, ma non rientrerebbe nei piani dei veneti. Allora spendibile è la strada che conduce a Lanciano. Staremo a vedere, gli scenari del prossimo futuro potrebbero essere sorprendenti.

Sogni proibiti. Sentieri tortuosi, spesso senza vie di sbocco. Queste, almeno al momento, sono le trattative che conducono a Ousmane Sy della Reggina e Ciro Ginestra del Crotone. Per il primo, gli amaranto avrebbero sparato altissime le loro pretese (oltre duecentomila euro per la comproprietà). Inoltre il sodalizio del presidente Foti gradirebbe sistemare il calciatore in una squadra di pari categoria per favorirne la maturazione. Il secondo, invece, è un desiderio confessato degli jonici, ma la trattativa presenta molteplici criticità. Le principali sono legate all’alto ingaggio del calciatore (legato ai calabresi da altri due anni di contratto) e dall’attuale insostituibilità dello stesso nell’organico pitagorico. In buona sostanza il Crotone dovrebbe prima reperire un valido sostituto per pensare di cedere il forte centravanti, allettato anche dalla corte del Cosenza. Sembra tramontata anche l’ipotesi di un ritorno in rossoblu dell’andriese Paolucci, pupillo di mister Dionigi. Il centrocampista è ritenuto indispensabile nell’economia del gioco dell’undici di Papagni.

Enrico Losito – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film