Connect with us

Pubblicato

il

La crisi del calcio alla fine del 2010 è incarnata dalla bufera societaria che sta investendo due storiche società italiane, confinate in Seconda Divisione. Stiamo parlando del Catanzaro e della Pro Patria, la cui sopravvivenza nel sistema professionistico è messa a dura prova. Casi limite, paradigmatici per interpretare gli allarmi lanciati a getto continuo dal presidente della Lega Pro, Mario Macalli.  

A Busto Arsizio il clima è teso. Mancano certezze sull’avvenire della società. Proseguono le trattative per la cessione del club e si attendono le mosse del patron Savino Tesoro. La squadra è stata ricevuta in Comune dall’assessore Armiraglio (già presidente della Pro Patria) e dal sindaco Farioli. All’uscita, i giocatori biancoblu non hanno voluto rilasciare dichiarazioni. La richiesta di messa in mora dei giocatori è scaduta lo scorso 20 dicembre. I giocatori non si sono allenati. E’ stata presa la decisione di ritornarsene tutti a casa fino al 2 gennaio.

A Catanzaro la situazione è ugualmente critica. Il sit-in messo in atto nella gara di campionato con il Pomezia, all’interno di un Ceravolo (nella foto) dove si gioca a porte chiuse perché non ci sono i soldi per pagare gli steward, ha fatto il giro d’Italia scoperchiando di fatto lo stato cachettico in cui versa gran parte del calcio minore. Intanto scendono di nuovo in campo gli Ultras Catanzaro. Con una breve nota annunciano di aver ripreso la loro attività dopo l’autosospensione dovuta alla nota vicenda della Tessera del tifoso. Vogliono che finalmente abbia fine questo scempio e venga messo un punto a questa società portando i libri in tribunale. Si appellano infine a tutte le forze politiche e imprenditoriali della città affinché a Catanzaro si ritorni a parlare di calcio e non si consenta più di disonorare, come sta avvenendo, la gloriosa casacca giallorossa. Il gruppo annuncia nuove iniziative e forme “lecite” di protesta, a cominciare dai prossimi giorni sin dalla ripresa degli allenamenti. Tutta la tifoseria è invitata a unirsi, per ritrovare la coesione persa nel tempo al fine di riprendersi ruolo e storia.

Questo è il calcio nelle serie minori alle soglie del 2011, mentre i club gonfi di soldi della Serie A TIM si allenano al caldo sole di paesi esotici.

So. Gian. – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali2 ore fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: ma sarà vera gloria?

Il passaggio al professionismo ridurrà a dieci il numero dei club iscritti alla Serie A femminile. Una riforma (affrettata?) da...

Editoriali2 ore fa

La Serie A Femminile passerà a 10 club: Morace storce il naso

Carolina Morace ha scelto di prendere parte a “Campionesse“, la docuserie di Rakuten Tv disponibile dal 2 dicembre che racconta...

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali3 settimane fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 mesi fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato2 mesi fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi