Connect with us
Avatar

Pubblicato

il

La Fiorentina ha emesso un comunicato per chiarire la posizione del club nei confronti del calciatore Adrian Mutu (nella foto), “escluso dagli allenamenti e dalla preparazione in quanto lo stesso ha gravemente e ritorsivamente inadempiuto ai suoi obblighi contrattuali e ha recato grave danno agonistico ed economico alla Società, mancando di rispetto alla stessa prima dichiarando alla stampa di aver rotto definitivamente i rapporti con la Fiorentina, poi presentandosi agli allenamenti odierni”. Il club, prosegue la nota, “perseguirà il calciatore in ogni sede per tutelare la squadra, i tifosi e la Società medesima”.

Interpellato dall’Ansa per un commento sulla vicenda che coinvolge il giocatore viola, il presidente della Lega Serie A Maurizio Beretta, senza voler entrare nel dettaglio della lite tra il club viola e il calciatore, ha sottolineato che “la vicenda pone una riflessione generale e un richiamo all’etica: le società stanno facendo questa riflessione ma devono farla anche i calciatori e i loro procuratori. Non funziona l’idea che le società sono come porte girevoli di un grande hotel. Bisogna trasmettere valori positivi in campo e fuori, e l’ accordo collettivo che stiamo definendo nei dettagli con l’ Assocalciatori è un passo avanti in questa direzione”.

“Maneggiamo un patrimonio con una capacità di impatto sull’opinione pubblica che è senza eguali, quindi il rischio di proporre e giustificare modelli negativi è moltiplicato. Abbiamo bisogno – ha proseguito Beretta – che il calcio trasmetta valori positivi, rispetto delle regole e comportamenti esemplari per chi segue con grande passione questo sport e in particolare per i più giovani”.

“Ci sono calciatori che hanno rapporti costruttivi con le loro società. Bisogna – ha concluso Beretta – recuperare il senso che il rapporto fra giocatore e club non si esaurisce nei 90 minuti della prestazione sportiva, e che è necessario rispettare regole di deontologia e correttezza di comportamenti a tutto tondo, anche perchè le squadre corrono sulle gambe dei calciatori, ma il grande attaccamento dei tifosi è ai marchi dei club”.

Redazioneweb – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali1 giorno fa

Serie A Femminile, i settori giovanili come plusvalore

La transizione della Serie A Calcio Femminile dallo status dilettantistico a quello professionistico, che si concretizzerà al termine della prossima...

Editoriali1 settimana fa

Serie A Calcio Femminile, nuovi orizzonti per nuove prospettive

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il lontano 22 agosto 2020. La...

Editoriali1 settimana fa

Serie A Femminile, tutto il bello della domenica

Il calcio era entrato in crisi molto prima della pandemia. Veniva fatto correre a rotta di collo lasciando pochissimo spazio...

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile, a proposito di “mission” e nuovo corso

La transizione verso il professionismo della Serie A Femminile – fortemente voluta dal presidente della Figc Gabriele Gravina e sostenuta...

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile, ad aprile si è giocato solo una volta!

Calciopress, con due successive riflessioni, ha sottolineato l’incredibile durata del campionato di Serie A Femminile stagione 2020-21 >>> LEGGI: “Serie...

Editoriali2 settimane fa

La Serie A Femminile e l’ossigeno della “meglio gioventù”

Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile rende ineludibile il potenziamento dei settori giovanili>>>“Serie A Femminile  e ruolo dei...

Opinioni3 settimane fa

Alla Serie A Femminile serve un professionismo di sostanza

Nei mezzi di comunicazione di massa più influenti le notizie sono ridotte ai minimi termini. Stiamo parlando del campionato di...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film