Connect with us

Pubblicato

il

La 20a giornata stabilisce che le prime della classe faticanto oltremodo per portare a casa i tre punti. Solo l’Inter maramaldeggia contro il malcapitato Bologna. Vincono comunque, anche se a fatica, Roma, Juventus e Lazio. Goleada dell’Udinese a Marassi, contro un Genoa in crisi. Bene la Fiorentina, che ferma il Napoli sul pari al San Paolo. Il Catania non riesce più a vincere e cede un punto al Chievo. Il Brescia piega il Parma e prende fiato. Nel posticipo il Milan deve fare i conti con il tabù dello stadio di Via del Mare dove non vince da dieci anni.

Gli Anticipi. Il Napoli torna sulla terra, dopo le ultime enfatiche prestazioni, mettendo in campo con la Fiorentina una gara normale. Meglio i viola, che più volte hanno fatto impallidire il pubblico partenopeo andando vicino alla rete del vantaggio. Un Napoli che avverte l’assenza di Hamsik. Con lui fuori, non ha mai vinto. Grave infortunio a Grava,al quale vanno i nostri migliori auguri.

L’Inter sembra aver intrapreso la strada che aveva perduto con Benitez in panchina. L’ex milanista Leonardo ha saputo riportare ai nerazzurri quella tranquillità e quella voglia di divertirsi che mancavano da tempo. A farne le spese un Bologna volenteroso, ma che nulla ha potuto contro la voglia di risultato di un’Inter lanciata verso la vetta del campionato. Torna al gol Milito e Zanetti raggiunge Bergomi nelle presenze in maglia nerazzurra.

A pranzo, gnocchetti sardi. Il Cagliari piega il Palermo con una prestazione maiuscola. La squadra di Delio Rossi, priva di Miccoli, non riesce a impensierire i rossoblu isolani che non vanno quasi mai in difficoltà. Dopo otto giornate arriva la prima vittoria per Donadoni, che intasca tre punti conditi da un’ottima prestazione. Ennesima partita anonima per i rosanero lontano dalla Sicilia.

Juve, Roma e Lazio a fatica. Nel pomeriggio scendono in campo le inseguitrici della capolista Milan. La Juventus fatica, e non poco, per avere ragione di un Bari tornato a ottimi livelli di corsa e manovra. Da segnalare le molte assenze in casa bianconera ma, al di là di questo alibi, la prestazione non può far gioire il suo tecnico. Per il Bari un’ottima gara che inietta fiducia per il seguito del campionato. La Roma a Cesena la spunta all’ultimo tuffo, con un gol rocambolesco di Pellegrino forse viziato da una posizione irregolare di Adriano. I giallorossi restano ancora vittime delle discussioni della settimana scorsa: Vucinic, sostituito a cinque minuti dalla fine, prende a calci alcuni oggetti vicino alla panchina. Per il Cesena una buona prestazione che, forse, avrebbe meritato miglior sorte. In casa con la Sampdoria la Lazio trova tre punti quasi insperati, dopo una prestazione sulla falsa riga delle ultime che non avevano certo fatto sorridere Edy Reja. Per la Samp ancora una sconfitta esterna, che la separa troppo da quelle offerte a Marassi.

Mi salvo io, ti salvi tu. Dopo tre sconfitte consecutive il Catania non riesce a trovare la vittoria neanche in casa contro il Chievo. Allo stadio Massimino gli etnei non vanno al di là del pari, con la panchina di Giampaolo che appare traballante. Andati in vantaggio su rigore con Maxi Lopez, i rossoblu vengono raggiunti dal solito Pellissier. Il Brescia batte il Parma, che si complica la vita con l’espulsione di Paci e la rinuncia a Crespo. Le rondinelle ringraziano e, con un Diamanti in giornata di vena, battono i gialloblu con il più classico dei risultati. Tre punti per i lombardi che li rimettono in corsa per la salvezza. Il Genoa dimostra tutti i propri limiti davanti ad una Udinese micidiale nella zona avanzata del campo. I rossoblu pagano le innumerevoli distrazioni difensive, compresa quella clamorosa di Eduardo che in uscita cicca malamente il pallone lasciando campo libero a Di Natale. Ma non sarà l’unico errore del portiere rossoblu, che nel finale esce senza motivo dai pali lasciandosi scavalcare da Denis. Crisi Genoa, momento d’oro per i friulani. E Ballardini chiede rinforzi.

Non basta Ibra. Non basta un gran gol di Ibrahimovic al Milan per battere un Lecce mai domo, a tratti migliore dei rossoneri. La squadra di Allegri ha disputato una gara sotto tono, con ritmi di gioco al Valium. Ne ha approfittato il Lecce di De Canio, abile a chiudere gli spazi a Pato e compagni per poi tentare di ripartire in contropiede. Milan brutto, lento e prevedibile. Il Lecce e le antagoniste alla corsa scudetto ringraziano vivamente.

Stefano Cordeschi – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali2 settimane fa

Nazionale, Serie A e professionismo: la lunga estate calda del calcio femminile

L’estate è torrida come non mai. Un caldo infinito, iniziato già a maggio. Roba che, alla lunga, dà alla testa....

Nazionale2 settimane fa

Nazionale Femminile: il supporto Rai è stato un ‘flop’ per la crescita del movimento?

La Rai ha puntato molto sulla Nazionale Femminile. Secondo Andrea Fagioli, opinionista di ‘Avvenire, è stato un flop mediatico ➡️...

Editoriali3 settimane fa

Campionato Europeo: se il calcio femminile diventa qualcosa di travolgente

✅ Inghilterra-Svezia di ieri sera è stata gioia pura per gli occhi. La ciliegina sulla torta? Il magnifico gol di...

Nazionale4 settimane fa

Passata la delusione Nazionale, è ora di tuffarsi nel campionato di Serie A femminile

☑️ La delusione dell’Europeo va in archivio. Così speriamo tutti. L’eliminazione nella fase a gironi della Nazionale di Milena Bertolini,...

Calciomercato1 mese fa

Serie A Femminile: il Parma mostra i muscoli e si candida come la sorpresa?

Il Parma inizia come meglio non sarebbe stato possibile la stagione che, in serie A Femminile, segnerà l’esordio del professionismo....

Nazionale1 mese fa

Il calcio femminile ha bisogno della Nazionale: sosteniamola senza se e senza ma

Il pareggio con l’Islanda, che avrebbe anche potuto diventare una vittoria, riapre il cuore dei tifosi alla speranza. Uso la...

Nazionale1 mese fa

Il calcio femminile, la Nazionale e l’Islanda: una questione di passione e di rispetto

Stasera la Nazionale femminile guidata dalla ct Milena Bertolini è chiamata a un esame di riparazione, dopo la pesante sconfitta...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi