Connect with us
Avatar

Pubblicato

il

Si profila un problema in più per la Lega del presidente Beretta. I presidenti sono già ai ferri corti per la spartizione dei diritti tv, che rappresentano allo stato il maggior introito delle società di Serie A Tim.

I venti club hanno raggiunto a fatica un accordo per pagare la rata in scadenza, ma non c’è unione di inenti sulla valutazione del “bacino di utenza”, al quale la legge Me­landri affida la ripartizione del trenta per cento dei ricavi derivanti dalla vendita collettiva dei diritti televisivi.

Una mossa che tutela soprat­tutto le “grandi”, che temevano di vedere intaccate le loro prerogative fondate proprio su questa voce. Le provinciali invece si lamentano. “Chi troppo, chi nul­la. E’ una tragedia per una squadra piccola come il Parma”, dice il presidente Ghirardi uscendo dall’Assemblea straordinaria di Lega.

La novità negativa è che sta per chiudere i battenti Dahlia tv, l’emittente svedese che detiene sul digitale terrestre i diritti di otto squadre di serie A (Cagliari, Catania, Cesena, Chievo, Lecce, Parma, Sampdoria e Udinese) in concorrenza con Mediaset. La pay tv po­trebbe essere costretta dal liquidatore a spegnere il segnale già a partire dal il 31 gennaio. Verranno meno circa 23 milioni di euro. Un evento imprevisto, che si somma ai tanti altri prevedibili.

Per metterci una pezza l’idea sarebbe quella di creare una televisione ad hoc gestita dalla Lega Serie A Tim, che potrebbe ovviare a problemi di questo tipo in futuro. L’assemblea convo­cata ieri in via Rosellini pensa di trasmettere le partite in proprio, in modo da garantire la continuità ai tifosi-abbonati e ridurre l’impatto dei mancati introiti 

Il fatto è che Dahlia tv detiene anche i diritti sul digitale della Lega Serie Bwin. Se le società della cadetteria guada­gneranno meno a causa di questo dissesto econo­mico, potrebbero rivalersi sulla massima divisione.

So. Gian. – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali1 giorno fa

Serie A Femminile, i settori giovanili come plusvalore

La transizione della Serie A Calcio Femminile dallo status dilettantistico a quello professionistico, che si concretizzerà al termine della prossima...

Editoriali1 settimana fa

Serie A Calcio Femminile, nuovi orizzonti per nuove prospettive

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il lontano 22 agosto 2020. La...

Editoriali1 settimana fa

Serie A Femminile, tutto il bello della domenica

Il calcio era entrato in crisi molto prima della pandemia. Veniva fatto correre a rotta di collo lasciando pochissimo spazio...

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile, a proposito di “mission” e nuovo corso

La transizione verso il professionismo della Serie A Femminile – fortemente voluta dal presidente della Figc Gabriele Gravina e sostenuta...

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile, ad aprile si è giocato solo una volta!

Calciopress, con due successive riflessioni, ha sottolineato l’incredibile durata del campionato di Serie A Femminile stagione 2020-21 >>> LEGGI: “Serie...

Editoriali2 settimane fa

La Serie A Femminile e l’ossigeno della “meglio gioventù”

Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile rende ineludibile il potenziamento dei settori giovanili>>>“Serie A Femminile  e ruolo dei...

Opinioni3 settimane fa

Alla Serie A Femminile serve un professionismo di sostanza

Nei mezzi di comunicazione di massa più influenti le notizie sono ridotte ai minimi termini. Stiamo parlando del campionato di...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film