Connect with us

Pubblicato

il

E’ dall’inizio del campionato che il barometro della Fiorentina segna cattivo tempo. La classifica adesso preoccupa davvero, il gioco continua a latitare, la società è sempre più distratta e distante dal contesto. Ciò che più conta, i tifosi hanno iniziato a disertare il Franchi.

Il fatto è che la Fiorentina da 495 giorni è senza presidente (lo ricorda il sito web Dodicesimo Uomo “la voce dei tifosi viola”, nel banner che campeggia in home page). Non sono chiari i motivi per i quali l’azionista di riferimento Andrea Della Valle, che rappresenta anche il fratello Diego, ritardi a prendere saldamente in mano la barra di comando. La fase storica che sta vivendo il club gigliato è drammaticamente opaca e richiederebbe, per arrivare a una soluzione, interventi catartici di questo e altro genere.

Il Responsabile dell’Area Tecnica, Pantaleo Corvino, ha toppato anche il calciomercato di gennaio. Nonostante le promesse della proprietà, la Fiorentina si trova scoperta in molti ruoli cardine. Mancano soprattutto un attaccante di peso in grado di sostituire lo stremato Gilardino e un esterno sinistro basso (senza contare che altri ruoli appaiono al momento coperti in modo alquanto precario). A fronte di questa situazione Corvino porta a casa l’ennesimo portierino (Neto) destinato a fare da comparsa in un ruolo affollato da ben cinque giocatori (più o meno abili e arruolati), un altro centrocampista (Behrami) e il giovane Salifu dal Vicenza. Davvero poca cosa per dare una scossa alla squadra, se tutti gli altri componenti del gruppo non si sveglieranno dal torpore in cui sono caduti. Scarsa capacità di scandagliare il mercato o carenza di budget?

Anche Sinisa Mihajlovic ha le sue colpe. Pur essendo arrivato a Firenze in un periodo che non poteva essere peggiore e aver fatto i conti con una serie di infortuni impressionante, il tecnico serbo in sei mesi non è stato capace di dare un gioco né di iniettare una stilla del suo indomito carattere alla squadra.

Infine i giocatori, perché sono loro alla fine che vanno in campo. Su questo versante la delusione è totale, perché l’ atteggiamento mentale del gruppo è stato fin qui molle oltre ogni ragionevole misura. Alla faccia della professionalità e del minimo attaccamento alla maglia di un club viola che è tra i più puntuali in Italia nel pagamento dei loro (pingui) stipendi.

Accade così che i tifosi della Fiorentina hanno smesso di riempire il Franchi, iniziando a manifestare un pericoloso quanto inatteso disincanto verso le sorti della Viola. Hanno tutte le ragioni del mondo, come negarlo. Si possono capire, ma non giustificare. L’amore verso le maglie si dimostra in casi come questi, anche ricorrendo ad azioni più o meno dirompenti e fantasiose.

Oggi come oggi la squadra viola è una barca che va per mare con le vele rotte, senza un nocchiero al timone. E’ necessario rimettere le cose a posto da subito. Diversamente si rischia di perdere l’appoggio incondizionato e fondamentale dei tifosi. Il vero valore aggiunto della Fiorentina.

Sergio Mutolowww.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Opinioni2 settimane fa

Coppa Italia Femminile: per conoscere meglio i 16 club di una serie B ad alto potenziale

Domenica 11 settembre prende il via la prima giornata della Fase a Gironi di Coppa Italia Femminile ➡️ il programma....

Opinioni4 settimane fa

Serie B Femminile: è possibile l’impresa di far concorrenza alla Serie A?

Da subito Calciopress ha ritenuto opinabile e affrettata la scelta di entrare nell’era professionistica del calcio femminile con una Superlega...

Editoriali4 settimane fa

La Nazionale, la Serie A e il professionismo: la lunga estate calda del calcio femminile

Un’estate torrida come non mai. Un caldo infinito, iniziato già a maggio. Roba che, alla lunga, dà alla testa. Non...

Opinioni1 mese fa

Calcio femminile e ‘grande storia’ dei club: solo il tifo non è negoziabile

Il calcio è uno sport bellissimo, a prescindere dal genere. La sua valenza sociale riposa nella trasversalità del tifo, che...

Nazionale2 mesi fa

Nazionale Femminile: il supporto Rai è stato un ‘flop’ per la crescita del movimento?

La Rai ha puntato molto sulla Nazionale Femminile. Secondo Andrea Fagioli, opinionista di ‘Avvenire, è stato un flop mediatico ➡️...

Editoriali2 mesi fa

Campionato Europeo: se il calcio femminile diventa qualcosa di travolgente

✅ Inghilterra-Svezia di ieri sera è stata gioia pura per gli occhi. La ciliegina sulla torta? Il magnifico gol di...

Nazionale2 mesi fa

Passata la delusione Nazionale, è ora di tuffarsi nel campionato di Serie A femminile

☑️ La delusione dell’Europeo va in archivio. Così speriamo tutti. L’eliminazione nella fase a gironi della Nazionale di Milena Bertolini,...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi