Connect with us

Pubblicato

il

Al calcio italiano nuovi stadi servono come il pane (nella foto, il nuovo stadio della Juventus). Quelli in cui si gioca sono paurosamente obsoleti, in alcuni casi al limite della chiusura considerato lo stato di (rischiosa) fatiscenza delle strutture.

Il ritardo nei confronti del resto d’Europa diventa sempre più difficile da colmare. Comporta il gap tecnico espresso dal precipizio nel Ranking Uefa a livello di club e in quello Fifa a livello di squadre nazionali. Senza contare l’assoluto sprezzo dimostrato nei confronti dei (pochi) tifosi che ancora si impegnano a seguire le partite dal vivo resistendo alle sirene delle pay tv e al richiamo di un comodo divano, per avventurarsi all’interno di strutture al limite della vivibilità.

La legge che dovrebbe regolarne la costruzione si è impantanata da tempo alla Camera. Si profilano adesso nuovi problemi per la sua approvazione entro la prossima primavera, come sarebbe stato auspicabile per mettere comunque  un paletto da cui ripartire.

Ieri c’è stato un nuovo incontro presso la Commissione Cultura. Il governo ha però  (incautamente) inserito, rispetto al testo originario, la possibilità di costruire uno stadio di calcio (con tutte le varie infrastrutture di contorno che esso prevede nella logica imperante della multifunzionalità) in deroga alle leggi che riguardano i vincoli idrogeologici, paesaggistici e archeologici.

In poche parole si è cercato di aprire una breccia in cui lasciar infilare i soliti furbetti, ai quali del calcio non interessa un fico secco e tanto meno delle esigenze dei tifosi. Meri speculatori, cui si darebbe la possibilità di costruire stadi ovunque, in qualsiasi location e su qualsiasi terreno. Nessun freno dunque all’edificazione di supermercati, appartamenti, alberghi e quant’altro.

Il rischio sarebbe (è) consentire la costruzioni di interi quartieri che sfuggano ai vincoli legislativi cui i comuni cittadini devono ottemperare.  Un po’ troppo, anche in tempi poco etici come quelli che stiamo attraversando. Di furbetti del quartierino ne abbiamo visti passare già troppi in Italia. Il sistema calcio, poi, ne è infarcito. Francamente, ci hanno davvero stancato.

Sul punto c’è stata la netta opposizione di Lega Nord e Pd (amici-nemici alleati in questa battaglia). Probabilmente non se ne farà nulla. Come è giusto che sia, considerate le premesse. Allo stato delle cose, la legge sugli stadi si avvia a diventare l’ennesima Araba Fenice di un calcio italiano ormai  avvitato su se stesso e sempre più pericolosamente vicino al baratro. 

Sergio Mutolowww.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Opinioni2 settimane fa

Coppa Italia Femminile: per conoscere meglio i 16 club di una serie B ad alto potenziale

Domenica 11 settembre prende il via la prima giornata della Fase a Gironi di Coppa Italia Femminile ➡️ il programma....

Opinioni4 settimane fa

Serie B Femminile: è possibile l’impresa di far concorrenza alla Serie A?

Da subito Calciopress ha ritenuto opinabile e affrettata la scelta di entrare nell’era professionistica del calcio femminile con una Superlega...

Editoriali4 settimane fa

La Nazionale, la Serie A e il professionismo: la lunga estate calda del calcio femminile

Un’estate torrida come non mai. Un caldo infinito, iniziato già a maggio. Roba che, alla lunga, dà alla testa. Non...

Opinioni1 mese fa

Calcio femminile e ‘grande storia’ dei club: solo il tifo non è negoziabile

Il calcio è uno sport bellissimo, a prescindere dal genere. La sua valenza sociale riposa nella trasversalità del tifo, che...

Nazionale2 mesi fa

Nazionale Femminile: il supporto Rai è stato un ‘flop’ per la crescita del movimento?

La Rai ha puntato molto sulla Nazionale Femminile. Secondo Andrea Fagioli, opinionista di ‘Avvenire, è stato un flop mediatico ➡️...

Editoriali2 mesi fa

Campionato Europeo: se il calcio femminile diventa qualcosa di travolgente

✅ Inghilterra-Svezia di ieri sera è stata gioia pura per gli occhi. La ciliegina sulla torta? Il magnifico gol di...

Nazionale2 mesi fa

Passata la delusione Nazionale, è ora di tuffarsi nel campionato di Serie A femminile

☑️ La delusione dell’Europeo va in archivio. Così speriamo tutti. L’eliminazione nella fase a gironi della Nazionale di Milena Bertolini,...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi