Connect with us

Pubblicato

il

(Calciopress – Davide Lamberti) Era nell’aria da qualche settimana ma il pareggio di domenica col Taranto ha fatto compiere il passo decisivo alla dirigenza metelliana. Marco Rossi è stato esonerato dall’incarico di allenatore della Cavese, che al suo posto ha ingaggiato l’ex tecnico del Rimini Mauro Melotti. Un esonero dovuto non tanto ai risultati (Cavese ultima sì, ma senza penalizzazione sarebbe in piena corsa per la salvezza) quanto per le ultime prestazioni della squadra che, anche contro avversari non eccezionali e in situazioni favorevoli, non è riuscita a portare a casa una vittoria necessaria alla salvezza. «Questa squadra, dopo la sconfitta con la Nocerina, ha perso fiducia anche a causa dell’eccessivo carico di responsabilità che si sente addosso da inizio campionato», ha dichiarato durante la presentazione di Melotti alla stampa il direttore generale Francesco Maglione il quale, come racconta, già domenica sera aveva contattato il nuovo tecnico per strappargli la promessa di approdare alla Cavese. Ieri l’esonero di Rossi e il contestuale annuncio di Melotti, tecnico navigato e di polso che, come racconta il presidente Spatola, «ha declinato altre offerte per mantenere la parola data alla Cavese. Siamo convinti che la scelta fatta con Melotti sia quella giusta e che ci porterà a raggiungere l’obiettivo salvezza. Non sarà facile ma bisogna lavorare uniti come e più di prima, perché siamo una buona squadra».

Melotti si dice entusiasta di iniziare un’avventura stimolante, com’è quella che vede la Cavese rincorrere una disperata salvezza e dice di non amare l’etichetta di “Sergente di ferro” che qualcuno ha voluto incollargli addosso: «Amo solo il mio lavoro – dichiara Melotti – e sono abituato a rispettare tutti e pretendo il contrario. Poi se si vuol dire che non guardo in faccia a nessuno e che non mi piace l’anarchia, questo è normale». La voglia di rituffarsi nel lavoro e iniziare a prendere contatto con il calcio giocato è tanta: «Ringrazio il presidente e il direttore per questa opportunità e anche il mio predecessore, il cui lavoro è sotto gli occhi di tutti. Ai calciatori cercherò di infondere entusiasmo, fiducia e autostima; voglio parlare con loro, confrontarmi e capire quali sono i problemi. Promesse non ne faccio ma sono convinto che da questa situazione si possa uscire e puntare alla salvezza diretta, altrimenti non sarei qui». Il modulo, dal 3-4-3 della prima di campionato al 4-3-3 ritrasformato recentemente in 3-5-2, resta una delle incognite che accompagnano il nuovo allenatore aquilotto. «Ora non mi sembra il caso di parlare di numeri, ho una mia idea di gioco ma devo confrontarla con le caratteristiche dei calciatori», afferma Melotti, che aggiunge simpaticamente: «l’opportunità di venire a Cava è stata apprezzata anche da mia moglie, perché questa zona è davvero una delle più belle d’Italia». La città si augura che l’idillio si compia e faccia il bene della Cavese.

Davide Lamberti – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Opinioni2 settimane fa

Coppa Italia Femminile: per conoscere meglio i 16 club di una serie B ad alto potenziale

Domenica 11 settembre prende il via la prima giornata della Fase a Gironi di Coppa Italia Femminile ➡️ il programma....

Opinioni4 settimane fa

Serie B Femminile: è possibile l’impresa di far concorrenza alla Serie A?

Da subito Calciopress ha ritenuto opinabile e affrettata la scelta di entrare nell’era professionistica del calcio femminile con una Superlega...

Editoriali4 settimane fa

La Nazionale, la Serie A e il professionismo: la lunga estate calda del calcio femminile

Un’estate torrida come non mai. Un caldo infinito, iniziato già a maggio. Roba che, alla lunga, dà alla testa. Non...

Opinioni1 mese fa

Calcio femminile e ‘grande storia’ dei club: solo il tifo non è negoziabile

Il calcio è uno sport bellissimo, a prescindere dal genere. La sua valenza sociale riposa nella trasversalità del tifo, che...

Nazionale2 mesi fa

Nazionale Femminile: il supporto Rai è stato un ‘flop’ per la crescita del movimento?

La Rai ha puntato molto sulla Nazionale Femminile. Secondo Andrea Fagioli, opinionista di ‘Avvenire, è stato un flop mediatico ➡️...

Editoriali2 mesi fa

Campionato Europeo: se il calcio femminile diventa qualcosa di travolgente

✅ Inghilterra-Svezia di ieri sera è stata gioia pura per gli occhi. La ciliegina sulla torta? Il magnifico gol di...

Nazionale2 mesi fa

Passata la delusione Nazionale, è ora di tuffarsi nel campionato di Serie A femminile

☑️ La delusione dell’Europeo va in archivio. Così speriamo tutti. L’eliminazione nella fase a gironi della Nazionale di Milena Bertolini,...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi